Il bel paese maltrattato: Viaggio tra le offese ai tesori d'Italia

Front Cover
Bompiani - Art - 384 pages
0 Reviews
La ricchezza dell’Italia Ŕ il suo patrimonio artistico, ambientale e culturale, ma nÚ le istituzioni nÚ gli italiani sembrano rendersene conto. Anzi, voltano le spalle all’identitÓ nazionale. Alla cultura lo stato destina sempre meno, appena lo 0,21% del bilancio, solo 21 centesimi ogni 100 euro spesi, mentre l’offesa sistematica a questa immensa risorsa ha una portata e un costo quasi incalcolabili: degrado, incuria, vandalismo, trascuratezza, saccheggi, burocrazia allontanano visitatori e turisti o non li richiamano come sarebbe possibile. Prima al mondo per il numero di siti inclusi nella lista dell’Unesco dei patrimoni dell’umanitÓ, l’Italia continua infatti ad andare a marcia indietro nel turismo. Nel 1970 era in testa alla classifica mondiale per turisti stranieri ospitati, via via ha perso quote di mercato: oggi Ŕ solo quinta (superata da Francia, Spagna, Stati Uniti e Cina) e andrÓ ancora pi¨ gi¨. Mentre arretriamo sul fronte internazionale, non si contano gli sprechi e gli abusi che quotidianamente svalutano, o distruggono, luoghi e opere d’arte che rischiamo di non poter pi¨ ammirare in futuro.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

About the author (2010)

Roberto Ippolito Ŕ autore di Evasori. Chi come quanto. L’inchiesta sull’evasione fiscale (Bompiani, 2008). Ha pubblicato anche i libri L’Italia dell’economia (2000), Vivere in Europa (2002), 2014 il futuro che ci aspetta (2004), editi da Laterza. Giornalista professionista, ha curato a lungo l’informazione economica per il quotidiano “La Stampa”. In precedenza ha lavorato a “Il Mondo” e “Italia Oggi”. ╚ docente di “Imprese e concorrenza” alla Scuola superiore di giornalismo dell’UniversitÓ Luiss Guido Carli. Organizzatore di eventi culturali, Ŕ stato tra l’altro editor e responsabile degli incontri con l’autore del Festival dell’economia di Trento. ╚ stato inoltre direttore della comunicazione di Confindustria e delle relazioni esterne della Luiss.

Bibliographic information