Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista

Front Cover
Il Saggiatore, Mar 14, 2012 - Fiction - 190 pages
0 Reviews
Giovanni Ubezio non è uno scrittore professionista: svolge il mestiere di taxista a Milano. Tuttavia è autore di racconti: spiazzanti, divertenti, profondi, sorprendenti. Scrive grazie a una sorta di dittafono, seduto in auto, durante le pause ai posteggi, mentre i suoi colleghi leggono il giornate o chiacchierano. "Descrizione di una giornata qualunque", "Discorsi aziendali", "Le donne del centro", "Centro stomatologico" sono alcune delle ventisette suite in cui incontriamo passeggeri bizzarri, apparentemente banali o segretamente visionari, talvolta enigmatici - un corteo di creature viventi migrate sulla pagina scritta con esistenze quotidiane e normalissime, fatte di dolore sottile e di piccole illuminazioni, che i romanzi spesso trascurano. Giovanni Ubezio sa descriverle con uno stile limpido e potente, intrecciando dialoghi commoventi, folgoranti o esilaranti sullo sfondo di scenari metropolitani. La parola prende forma come se stesse riprendendo un discorso lasciato a metà e, dalla primitiva e suggestiva oralità, si materializza sulla pagina diventando racconto originale e unico. È una narrazione fuori dal tempo, abbandonata agli incontri più incongrui, casuali e sorprendenti, in cui l'episodio e la riflessione appaiono, per poi dissolversi, scomparire. La scrittura scarna, minimale, controllatissima non offre distrazioni o trasfigurazioni, e inchioda il lettore alle vicende del taxista e dei suoi personaggi.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

cane che mi guardava
7
cane dellarchitetto
26
vecchio e la metamorfosi
42
gatto prestigiatore
57
In cerca del motel
77
Discorsi aziendali
100
Dubbia moralità
105
Gatti e gattare
120
Non vedenti
135
Rapporti tra colleghi
148
Situazioni imbarazzanti
165
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information