Il codice penale per il regno d'Italia: (approvato dal R. decreto 30 giugno 1889, con effetto dal l0 gennaio 1890), corredato di brevi avvertenze e note ad ogni libro e ad ogni titolo, dell referenze agli articoli del codice stesso, nonchè dei codici sardo, toscano, delle Due Sicilie, parmense, estense, pontificio, francese, austriaco, delle leggi speciali punitive vigenti e di un indice alfabetico-analitico; seguito dalla legge di pubblica sicurezza 30 giugno 1889, dal relativo regolamento 8 novembre 1889

Front Cover
Unione tipografico-editrice, 1889 - Criminal law - 389 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 5 - PER GRAZIA DI DIO E PER VOLONTÀ DELLA NAZIONE RE D'ITALIA II Senato e la Camera dei Deputati hanno approvato; Noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: ART.
Page 108 - ... è punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da lire ottantamila a quattrocentomila.
Page 90 - Se si tratti di un perito, la condanna ha per effetto la sospensione dall'esercizio della professione o dell'arte per un tempo pari a quello della detenzione.
Page 30 - Nessuno può essere punito per un delitto, se non abbia voluto il fatto che lo costituisce, tranne che la legge lo ponga altrimenti a suo carico, come conseguenza della sua azione od omissione. Nelle contravvenzioni ciascuno risponde della propria azione od omissione, ancorché non si dimostri ch'egli abbia voluto commettere un fatto contrario alla legge.
Page 185 - Sentito il Consiglio dei Ministri ; Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri, Ministro Segretario di Stato per gli Affari dell'Interno; Abbiamo...
Page 11 - Nessuno può essere punito per un fatto che non sia espressamente preveduto come reato dalla legge, né con pene che non siano da essa stabilite.
Page 84 - ... è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da lire 3000 a lire 20.000. Organi fri f lezioni i-innunali 8».
Page 21 - Prog. 28 condannato deve obbligarsi personalmente, e, ove il giudice lo reputi opportuno, anche in concorso di uno o più fideiussori idonei e solidali, a pagare una determinata somma a titolo di ammenda, qualora, entro un termine da prefiggersi nella sentenza, non superiore ai due anni per i delitti e ad un anno per le conProg.
Page 12 - Lo straniero, che, fuori dei casi indicati negli articoli 7 e 8, commette in territorio estero, a danno dello Stato o di un cittadino, un delitto per il quale la legge italiana stabilisce [la pena di morte...

Bibliographic information