Il lamento di Cecco da Varlungo di Francesco Baldovini ed altre poesie rusticali ...

Front Cover
per Bettoni, 1807 - Italian poetry - 145 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents


Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 22 - Picchia teglie , e padelle a pi non posso , Di raccattarle e' non e' verso stato , Ma le mi s...
Page 4 - Come i' ti vpgf>o i' sono alto e biato, Comunelte i' non ti veggo, i' vo 'n fracasso, E ch' e' si trovi al mondo un che del bene Ti voglia pie, non mai ver, non ene. E pur tu mi dileggi, e non mi guati, Se non con gli occhi biechi, e' l viso arcigno ; Poffar l' Antea ! non te gli ho gi cavati, Che tu meco t
Page 12 - Basta , non ascad' altro, il caso quine, Che tu m' hai per le feste accomidato , E s' al to Cecco non soccorri, infine Tu lo farai nescir del seminato. Le te lo posson dir le to vicine , La Tonina, e la Tea di Mon dal Prato, Che mi veggon checchene in su per l'aia Gettar arali me , e strida a centinaia 16. Prima ero fresco , e verde come un aglio , Or so...
Page 26 - E perch'i' so dal so bruciore infetto, Facciami il freddo tuo tutto aggrezzare : Vien, Morte, vieni, e per fornir la festa Dammi della to falce in sulla testa. 39. Addio campi miei begli, addio terreno , Che dato m'hai da manicar tant'anni; Appoich' e' piace al Ciel , eh' i' vieuga meno , Per terminar le gralime , e gli affanni , Tu di quest'ossa mie tien conto almeno, dammi lifriggerio a tanti danni , Perch...
Page 14 - n me non troverai frode, n'nganni, Ch'i'so, ch'i'ho bello il cuor, s'i'ho brutti i panni. Basta, me ne so' visto, e stonimi chiotto, Ch' i' vo' vedere un po' , come la vane , Perch' i' sto cheto cheto , e fo il merlotto , E sottosopra i' so
Page 26 - Vien donche, o Morte, e drento a un cataletto Disteso appricission fammi portare ; Se Amor tu trovi a covo intru '1 me' petto , Fallo a dispetto suo di l snidiare ; E perch
Page 10 - ntra la pena, e 'ntra 'l dolore, Che un calabron mi straforassi 'l cuore. 14. E tanto forte i
Page 20 - Che gola in tutti i lati a mano a mano, E ha lo scilinguagnolo s rotto, Ch' e' chiede il manicar come un cristiano . Presi a questi d arrieto anche un leprotto Laggi nel me...
Page 28 - ... dormire. Risvegliato ch'ei fu, visto un tal giuoco di gran danno potergli riuscire, stette sospeso, e risolvette poi viver per non guastare i fatti suoi.
Page 6 - Ma propio gli ene un predicare a' porri, Che tu non vuoi scoltarmi a verun patto. Altro, SANDRA, ci vuol che far lo gnorri ; Tu fai viste ch' i

Bibliographic information