Il lavoro senza rappresentanza: la privatizzazione della politica

Front Cover
Manifestolibri, 2004 - Business & Economics - 319 pages
0 Reviews
Il lavoro non dispone pi¨ di una autonoma e libera rappresentanza politica: questo Ŕ il reale approdo della transizione italiana. Dopo l'89 il conflitto capitale-lavoro si manifesta in forme inedite. Il lavoro, come il capitale, Ŕ stato coinvolto in straordinarie trasformazioni, ma la sinistra politica ha cessato di rappresentarlo. L'autore legge la globalizzazione come un processo di subordinazione dei lavoratori allo sfruttamento capitalistico. Di fronte al partito della proprietÓ e dell'impresa, a tutela dei lavoratori Ŕ rimasto il sindacato, mentre i new global, mettendo a nudo le contraddizioni del neoliberismo, hanno reso evidente che la chiave del cambiamento sta in un originale e dinamico rapporto tra movimenti e lavoratori.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Silvio Berlusconi e il potere del denaro
9
centrosinistra e il valore del lavoro
27
Trasformazioni del lavoro subalternitÓ della sinistra
43
Copyright

11 other sections not shown

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information