Il libro del Tao

Front Cover
Newton Compton Editori, Mar 23, 2011 - Philosophy - 128 pages
2 Reviews
Tao-teh-chingCura e traduzione di Girolamo Mancuso«Ľopera più bella e più profonda in lingua cinese», «uno dei più importanti testi di tutta l’antichità»: così è stato definito questo libro, singolare pedaggio che un doganiere avrebbe chiesto a un vecchio saggio che stava per lasciare la Cina per andare verso ovest. Pur essendo considerato, nella sua specificità, “intraducibile”, il Tao-teh-ching è tuttavia il testo cinese antico più tradotto in Occidente, proprio perché ogni traduttore ha considerato insoddisfacente il lavoro dei precedenti. La concisione, l’oscurità e l’ambiguità, che non possono essere conservate in nessuna lingua occidentale, ne costituiscono anche la ricchezza e il fascino permanente.«Ciò che è spezzato diventerà intero.Ciò che è curvo diventerà diritto.Ciò che è vuoto diventerà pieno.Ciò che è consumato diventerà nuovo.Chi ha poco otterrà.Chi ha molto verrà ingannato.» Lao-Tzusecondo la tradizione, era un filosofo contemporaneo di Confucio (ma più anziano), nato nel villaggio di Quran. Il suo cognome era Li; il nome Er; l’appellativo Boyang; il nome postumo Dan. Fu storiografo negli archivi reali di Chou. Quando si accinse a lasciare la sua terra, al confine un doganiere gli chiese di scrivere un libro per lui. E Lao-tzu compose un volume in due parti, sul significato della vita e sulla virtù: era Il libro del Tao. Di Lao-tzu non si seppe più nulla.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
7
Section 2
8
Section 3
19
Section 4
27
Section 5
37
Section 6
45
Section 7
56
Section 8
62
Section 9
63
Section 10
69
Section 11
83
Section 12
90
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information