Il servo di Byron

Front Cover
Fazi Editore - Fiction - 168 pages
1 Review
«Perché è nato lord ed è alto più di sei piedi!». Questa, nelle parole di John Keats, la vera ragione dello strepitoso successo di George Gordon Byron. Riprendendo l’intuizione keatsiana, che già riusciva a intravedere un’altra realtà dietro la barricata della leggenda vivente, del luciferino seduttore e del signore dei salotti londinesi, Franco Buffoni ci svela l’uomo Byron: capace di amare soltanto ragazzi, ossessionato dal rimpianto per il suo grande amore perduto, Edleston, in una società – quella inglese del primo Ottocento – in cui l’omosessualità era punita con la gogna e poi l’impiccagione. Dietro la torbida maschera di fratellastro incestuoso e di homme fatal, c’è la verità di un’intera vita in fuga, l’obbligo di celare un segreto “infamante” conosciuto solo da pochissimi intimi. Tra loro, il servo-amante Fletcher, coetaneo di Byron, che in questo libro si fa testimone e voce narrante di tutte le vicende finora taciute della vita del poeta: dall’iniziazione alla corte di Alì Pascià al suo interesse non corrisposto per Shelley, dal misero fallimento del suo matrimonio di facciata alla passione per Lukas, giovane patriota con cui Byron si legò durante la sua ultima, fatale avventura politico-militare in Grecia.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18
Section 19
Section 20
Section 21

Section 9
Section 10
Section 11
Section 12
Section 13
Section 22
Section 23
Section 24
Section 25
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Franco Buffoni è poeta, traduttore e docente di letteratura italiana all’Università di Cassino. Ha pubblicato le raccolte di poesia Il profilo del Rosa (2000) e Guerra (2005), entrambe per Mondadori e, per Guanda, Suora carmelitana (1997) e Roma (2009). Tra le sue opere, ricordiamo anche Più luce, padre. Dialogo su Dio, la guerra e l’omosessualità (Sossella, 2006), il romanzo Zamel (Marcos y Marcos, 2009) e il pamphlet Laico Alfabeto (Transeuropa, 2010). Di prossima uscita l’Oscar Mondadori che raccoglie le sue poesie. Dal 1989 è direttore della rivista «Testo a fronte». Tra i riconoscimenti ricevuti per la sua opera ricordiamo il Premio Sandro Penna, il Premio Mondello e il Premio Montale.

Bibliographic information