L'Italia nel secolo decimosesto: ossia, Volume 5

Front Cover
Eugenio Albèri
Societa editrice fiorentina, 1858 - Venice (Italy)
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 389 - A questa professione dell' arme pare ch'egli si sia mosso per inclinazione naturale, e per l'esempio de' suoi maggiori, e specialmente del padre, che fu singolare capitano come sanno le SS. VV. EE. Nella guerra dello stato di Camerino dicono coloro che laudano Sua Eccellenza che sempre, vivendo il padre e dopo la morte di lui, egli dimostrò a molti segni valore e prudenza; e finalmente, avendo l' esercito con gran forza incontra, cedette al pontefice ritrovandosi poco modo di sostenere la guerra.
Page 391 - Ed acciochè da' giudici non sia mancato nelle parti della giustizia, Sua Eccellenza (per ricordo della signora duchessa sua consorte, che poco avanti la morte lo pregò per suo beneficio di questo) permette udienza secreta ogni lunedì e venerdì, ne' quali dì è lecito a ciascuno, per infimo che sia, parlare a Sua Eccellenza a solo, e dolersi di chi l'avesse offeso; dal quale, uditolo in voce, riceve poi memoriale della querela , facendovi il dì medesimo quella provvisione che merita il caso...
Page 404 - EE. per la molta loro prudenza lo possono molto ben comprendere ; conoscendo come molte volte gli stati hanno patito per questa cagione estremamente. Questi ed altri benefizi e comodità che pretermetto può avere questa Eccellentissima Repubblica dall'avere quel signor Duca a'suoi servigi, i quali quanto siano grandi, coloro il possono facilmente considerare che sanno quanto importi ad uno stato il poter avere buon numero di gente forte ed animosa e fedele, e questo poterlo fare facilmente e con...
Page 389 - Duca di tórre quasi tutti de' suoi sudditi quelli de' quali egli disegna servirsi in ogni maneggio. E questo egli lo fa perciocchè gli par essere come certo della lor fede ed amorevolezza verso le cose sue, e facendo questo egli viene a dar animo a' suoi sudditi di camminare per la strada della virtù.
Page 403 - Pontefice, sicchè niun altro signore può dare gente italiana a questo stato fuor che Sua Eccellenza. Il re Cristianissimo fa una eccessiva spesa con Isvizzeri, e si può dire ch'egli sia fatto quasi lor tributario per servirsi di loro ne'bisogni della guerra. Oltra di questo viene in considerazione un'altra cosa d'importanza, ed è che si può dire che quello stato sia come una difesa posta nelle frontiere di chi volesse da quella banda assalire i luoghi della Serenità Vostra; ed essendo quel...
Page 397 - ... luoghi vicini e tra loro, che in un subito sono in ogni luogo. E di tutti questi ordini intendo ch' è stato fatto un libro nel quale è il compartimento della gente, il qual libro io l'avrei letto volentieri quando avessi avuto più comodo tempo. Dall...
Page 397 - Dall' ordine che ha tenuto il padre di questo Duca, e che tiene Sua Eccellenza in questa legione, dando libertà sempre a parte della gente che vada alla guerra (ed a questo proposito non voglio restar di dire che a questa d'Alemagna ne sono stati morti intorno a quattrocento), dall...
Page 290 - ... cavallo continuamente, e quando mise piede a terra per prender cibo, bisognò che si mettesse subito la celata per un'imboscata . . . Veglia gran parte della notte, nel qual tempo fa tutte le spedizioni ed ordina tutte le cose sue, convenendogli, il giorno, dar udienza a molti. È accostumato ad ogni stravaganza di vivere. Nel mangiare non serva più questa che quell'ora, e nel dormire non distingue la notte dal giorno, non avendo in lui né il negozio, né il riposo separato termine alcuno....
Page 398 - ... che gli par avere facendo questa professione che han fatta tutti i suoi passati, che quella casa sia come ricetto d'uomini di valore; de'quali che han levato le insegne diverse volte ho inteso ch'egli n'ha trenta e più. D'artiglierie e munizioni non si sa ch'egli n'abbia quantità, oltra quei pezzi ch...
Page 333 - Stato pieno di miseria e di ruina rispetto alle condizioni dei tempi passati ; le quali miserie e ruine non si potranno ristorare in poco spazio di tempo, essendo ruinate le fabbriche ed estinte le persone, per il che mancano le industrie, e le entrate pubbliche e dei particolari.

Bibliographic information