L'eresia di Pasolini: l'avanguardia della tradizione dopo Leopardi

Front Cover
Effigie, 2005 - Literary Criticism - 167 pages
Profeta indifeso, disilluso e incivile, perché quella era l'unica forma possibile di coscienza civile, Pasolini si è esibito come testimone autentico dell'epoca in cui viveva. Questo scrittore scomodo si può rimuovere, svilire, calunniare. Gianni D'Elia fa rivivere invece Pasolini nella sua altissima integrità: il poeta dialettale e "poematico" in lingua, il saggista, il narratore e l'autore del "teatro di parola" e del "cinema di realtà". Gli ampi reperti di questa rilettura "totale" mirano soprattutto a distruggere l'opera di restaurazione o epurazione in atto. Si assiste così a una rivisitazione appassionata di testi e idee, accompagnata da una puntuale iconografia del "nini muàrt".

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Premessa
7
Pasolini un eretico italiano del Novecento
9
La fontana poetica dellopera
16
Copyright

12 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information