L'ultimo giorno di un condannato

Front Cover
Feltrinelli Editore - Fiction - 176 pages
0 Reviews
“Il mio corpo è rinchiuso in una cella, la mia mente imprigionata in un’idea”È anonimo l’autore che, nel 1829, dà alle stampe questo piccolo, gigantesco libro. Ma è inconfondibilmente Victor Hugo. Sono anni in cui il progresso sembra trasportare l’umanità intera, sul suo dorso poderoso, verso un futuro di pace, prosperità, ricchezza e fratellanza. Ma negli stessi anni si tagliano ancora teste davanti a un pubblico pagante, si marcisce in carcere, ci si lascia morire per una colpa non sempre dimostrata oltre ogni ragionevole dubbio. Hugo parla a nome dell’umanità, come sempre, e lo fa attraverso la voce di un uomo qualunque, di un condannato qualunque, di un miserabile che rappresenta tutti i miserabili di tutte le nazioni e di tutte le epoche. Un crimine di cui non conosciamo i dettagli lo ha fatto gettare in una cella. Persone di cui non conosciamo il nome dispongono della sua vita, come divinità autoproclamate. Un’angoscia soffocante lo tortura, giorno dopo giorno, e gli fa desiderare che il tempo corra sempre più veloce. Verso la fine dell’attesa, venga essa con la liberazione o con l’oblio.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

un gesto poeticopolitico
5
Cenni biografici
23
Bibliografia ragionata
37
Prefazione alla prima edizione
49
Una commedia a proposito di una tragedia
130
Prefazione del 1832
149
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information