La cura di sé

Front Cover
Feltrinelli Editore, 1985 - Philosophy - 256 pages
1 Review
La cura di sé è il terzo volume di quella "Storia della sessualità" di cui Michel Foucault aveva esposto ne La volontà di sapere il progetto iniziale: comprendere come, nelle società occidentali moderne, si era costituito qualcosa di simile a una "esperienza della sessualità", nozione familiare e tuttavia apparsa solamente all'inizio del diciannovesimo secolo. Parlare di sessualità come di un'esperienza storicamente singolare ha richiesto di ricostruire i percorsi del "soggetto desiderante", risalendo dall'epoca moderna fino all' antichità classica (L'uso dei piaceri) e procedendo poi ai primi due secoli della nostra era nel mondo greco-romano (La cura di sé). Nella genealogia dell'uomo di desiderio, La cura di sé ritaglia un periodo cruciale e di straordinario interesse oggi in quanto, forse per la prima volta, vi si affermano preoccupazioni e valori individualistici, un'attenzione nuova al privato, una moralità personale autonoma, ormai sganciata dalla sfera pubblica e non ancora inserita in una visione totalizzante del divino e della relazione dell'uomo a esso. Il libro, magistrale e affascinante, attraversa con intelligenza e originalità i documenti di un'epoca eccezionalmente fertile: dalla trattazione dei sogni a sfondo sessuale di Artemidoro, ai trattati di medicina di Galeno, alla meditazione di Epitteto, Marco Aurelio, Seneca. (ibs.it).
 

What people are saying - Write a review

User Review - Flag as inappropriate

L'uso dei piaceri è il secondo volume di quella Storia della sessualità di cui Michel Foucault aveva esposto ne La volontà di sapere il progetto iniziale: comprendere come, nelle società occidentali moderne, si era costituito qualcosa di simile a una 'esperienza' della 'sessualità', nozione familiare e tuttavia apparsa solamente all'inizio del diciannovesimo secolo. Il libro Parlare di sessualità come di un'esperienza storicamente singolare ha richiesto di ricostruire i percorsi del 'soggetto desiderante', risalendo dall'epoca moderna fino all'Antichità classica. L'uso dei piaceri, appunto, entra nel vivo della rappresentazione delle pratiche e delle teorie sessuali nella città greca, e dà così concreto avvio a un'opera storiografica dall'ambizione assolutamente unica: non più indagine parziale o settoriale sui problemi della sessualità, essa presenta globalmente la genealogia dell'esperienza più ignota, anche quando più esibita, della nostra cultura e della nostra storia, offrendoci al contempo una sorta di specchio delle radici più remote e cancellate della logica degli odierni comportamenti sessuali.  

Selected pages

Contents

Section 1
9
Section 2
10
Section 3
23
Section 4
31
Section 5
43
Section 6
75
Section 7
76
Section 8
85
Section 13
136
Section 14
149
Section 15
152
Section 16
166
Section 17
177
Section 18
189
Section 19
193
Section 20
210

Section 9
103
Section 10
109
Section 11
116
Section 12
127
Section 21
226
Section 22
233
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

References to this book

All Book Search results »

Bibliographic information