La ferita e l'assenza: performance del sacrificio nella drammaturgia di Pasolini

Front Cover
Bonanno, 2006 - Literary Criticism - 345 pages
Il corpus drammaturgico di Pier Paolo Pasolini vela e disvela una vertigine d'assoluto come fecondo intrecciarsi di gridato erotismo e sfacciata vocazione al martirio. La risentita definizione corporale dei personaggi diviene così pulsione rituale mirata a restaurare un precoce modello cristologico dentro il turbato paradigma di una salvezza ancora possibile. Stefania Rimini, nel ragionato intento di motivare l'arduo sistema sacrificale posto in essere dal suo autore, percorre tutte le stazioni di una via crucis ossessivamente attestata sin dagli esordi e scandalosamente prolungata, oltre l'estremo cimento didattico di Salò, nel progetto incompiuto, e monitorio, di Porno-Teo-Kolossal.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Avvertenza pag
8
supplizio della luce
53
Loltraggio della scena
149
Copyright

3 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information