La fuggitiva: novella in dialetto milanese

Couverture
Borroni e Scotti, 1844 - 47 pages
 

Avis des internautes - Rédiger un commentaire

Aucun commentaire n'a été trouvé aux emplacements habituels.

Pages sélectionnées

Table des matières

Autres éditions - Tout afficher

Expressions et termes fréquents

Fréquemment cités

Page 44 - D'un dolor disperato frenar tento Quel sangue che gli sgorga a larghe trosce. Egli alza intanto un guardo lento lento E mi vede, m'affissa, mi conosce: Brilla la gioia su quel volto spento, La man mi prende, se la stringe al core E nel sorriso della pace muore.
Page 6 - Sì, gh'el prometti, parlaroo a pianin. Che no la se desturba, staroo quietta, Ghe cuntaroo tuttcoss senza alteramm, Che la me lassa dì, che la se setta, El me farà fors ben a podè sfogamm: Insci: za la soa man... ah benedetta Man d'ona mader!.. Senti a consolamm In del basalla, e la me da pù fiaa Per cuntagh i disgrazi ch'hoc passaa.
Page 21 - El cadaver ch' el gh' ha dessoravia L'è tutt insanguanent e senza coo : Guardi quell sott : stravedi ? esusmaria ! Quell colorì quell vestii !... voo inanz on poo, Ah ! che 1' è el mè Luis : me se rescia I cavij su la front ; troo on sgar, e voo Come on sass giò per terra adoss a lu , Strengendel in di brasc , basandel su. Ghe senti a batt el cceur; sbalzi in gehoeucc, Me strasci giò tutt i vestii de doss Per Tassagh chi in sul stomegh on gran boeucc Ch' el perd el sangu, e '1 lassa vedè i...
Page 15 - Cont on mezz termen ch' el pariva vera, Per podemm subet corr adree e ferma, Savend nanch lu dove podess andà. Dopo d'allora tutt duu i corp d'armada S' hin unii per andà contra '1 nemis: Oh ! quanti vceult trovandem su la strada Vedeva a la lontana el mè Luis : L...
Page 21 - Ch' el gotta sangu e ch' el me piceuv adoss. Taseva tutt, ma in fin de la campagna Sentiva on vers ch
Page 39 - atterriti, che già tutto Credean l' intero esercito distrutto. Sorgea la luce poi nunzia d'affanno, Che dal cor rimovendo la paura, Ci fea dolenti sul sofferto danno, Radice infausta di peggior sventura; Giù travolte dal vortice tiranno Qua e là disperse errar per la pianura Armi vedeansi e vettovaglie e genti, E tutto risonava di lamenti. Scarso sostegno alla vita cadente Venia mancando misurato il pane, E più cruda feriva l' aria algente Di vitale calor membra già vane.
Page 5 - Cara mammin, già ci soo ch'hoc de morì. Nà, la preghi in di viscer del Signor, Che la me scappa no, la staga chi, Che non la me abbandonna in sti ultem or; Se la voeur piang, la piangia insemina a mi : Sì, che la piangia pur, cara, che almen Saront sicura che la me voeur ben.
Page 17 - A scappa fceura intramezz ai rottamm. No se trovava allogg, no se trovava Foragg per i cavàj, roba per nun: Di magazzin intregh de pan, de biava Se vedeven brusaa con dent nissun: Se dormiva sul giazz, no se mangiava Che on crostin de bescott al dì per un, E moriva cavàj, moriva gent De famm, de frecc, de struzi ogni moment.
Page 39 - Eran le case ele capanne incese, Combusti i sacri templi, ed in faville Le più frequenti popolose ville. Rotti i ponti e le strade, in su la sera All'affrettato corso eran mancanti, Notturna poi torceva la riviera Sovra noi l'acque orribili, sonanti, Accordantisi a quel che la bufera Mettea rugghio infernale, e ai gridi e ai pianti De' soldati atterriti che già tutto Credean l'intero esercito distrutto.
Page 22 - El me ved , el me fissa, el me cognoss ; E inserenandes in faccia, el se tira Ona mia man sul cceur, e poeu el me spira. El coeur el ghe batt pù , 1...

Informations bibliographiques