La letteratura italiana negli ʻIndici' del Cinquecento

Front Cover
Forum, 2005 - Literary Criticism - 327 pages
Nel volume vengono affrontati i temi della censura e dell'espurgazione delle opere letterarie nel XVI secolo, che hanno riguardato e spesso hanno mutato il contenuto di tanti testi importanti, da Dante a Petrarca, Boccaccio, Castiglione, Aretino, Doni, Gelli e altri. Sulla base degli "Indici", prima "locali", poi universali, usciti in Italia, si ricostruiscono le norme definite dalla Chiesa per controllare la "correttezza" della produzione letteraria, soprattutto prestando attenzione all'affermarsi, dopo l'Indice del 1564, della procedura dell'espurgazione, che poteva stravolgere il dettato delle opere originali, determinando edizioni spesso "corrette" dai censori senza che il lettore ne fosse avvertito. Particolare attenzione Ŕ poi dedicata alle vicende di tre autori, Matteo Bandello, Giovan Battista Giraldi Cinthio e Nicol˛ Franco, le opere dei quali finiscono all'Indice per ragioni molto diverse tra loro, ma che consentono di evidenziare le varie e difficili situazioni in cui si trovavano a lavorare gli scrittori del Cinquecento.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Premessa p
9
Bandello Lutero e la censura
135
Gli Hecatommithi allIndice
183
Copyright

2 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information