La mia vita

Front Cover
Bompiani - Fiction - 320 pages
0 Reviews
“Io non sono che una piccola matita nelle mani di Dio”. Tale si riteneva Madre Teresa di Calcutta, l’umile religiosa che con la sua vita di intensa preghiera e instancabile attività ha soccorso i “poveri più poveri” portando loro l’amore di Dio: in loro Madre Teresa scorgeva lo stesso Gesù Cristo sofferente, povero, abbandonato. In questa speciale autobiografia Madre Teresa svela la vita interiore e l’itinerario che hanno caratterizzato il suo spirito e la sua azione. Dalla vocazione alla fondazione delle Missionarie della Carità; dallo spirito di povertà al Premio Nobel per la pace. Con le sue stesse parole semplici e intense, riportate con fedeltà dai curatori, ci viene tramandata la vicenda umana e spirituale di una piccola donna che ha commosso il mondo.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 10
Section 11
Section 12
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17

Section 9
Section 18

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Agnes Conxha Boyaxhiu, di origine albanese, è nata il 27 agosto 1910 a Skoplje ed è morta il 5 settembre 1997 a Calcutta. A diciott’anni, l’incontro con un missionario gesuita, che le chiarì la sua vocazione religiosa e nello stesso tempo la infiammò d’amore per le popolazioni diseredate dell’India, fu determinante. Nel 1928, Agnes entrò nella congregazione delle Suore Missionarie di Loreto. Dopo una breve sosta nella Casa madre dell’Ordine, in Irlanda, fu mandata in India, a Darjeeling, per il noviziato; e qui divenne suor Teresa. Fino al 1948 fu insegnante di storia e geografia presso la St. Mary’s School di Calcutta, che lasciò definitivamente, con il consenso di Pio XII, l’8 agosto di quell’anno per intraprendere la sua missione per le vie di Calcutta. Nel 1950 fondò la congregazione femminile delle Missionarie della Carità, alla quale si aggiunse nel 1963 il ramo maschile dei Fratelli. Le sono stati attribuiti innumerevoli riconoscimenti e onori; il più importante fu, nel 1979, il Premio Nobel per la pace, che Madre Teresa avrebbe voluto rifiutare, e che invece accettò “in nome dei poveri, degli affamati, dei malati, degli abbandonati”.

Bibliographic information