La porta di Merle

Front Cover
Corbaccio - Biography & Autobiography - 434 pages
1 Review
Merle e Ted Kerasote si sono incontrati nel deserto dello Utah. Merle aveva circa dieci mesi, era stato abbandonato e aveva l’aria di cercare qualcuno che lo adottasse. Ted aveva quarant’anni, scriveva articoli e saggi sugli animali ed era alla ricerca di un compagno a quattro zampe. Merle si è subito trasferito nella casa di Ted nel Wyoming, una zona prevalentemente rurale, e Ted ha fatto installare una porta che permettesse a Merle di andare e tornare a suo piacere, completamente libero. In questo modo, fra i due si è instaurato un rapporto unico che ha insegnato molto a entrambi, ma soprattutto a Ted: gli ha insegnato che non si tratta solo di lasciare porte aperte sul mondo esterno (anche se è importante), quanto di lasciarle aperte verso le nostre emozioni, permettendo agli altri di entrare e uscire. Questa è la storia di un cane: Merle. Ma è anche la storia di tutti i cani costretti a vivere in un mondo sempre più urbanizzato, non adatto a loro, e di come potrebbero stare meglio se solo riuscissimo noi a cambiare il nostro atteggiamento anziché tentare di cambiare il loro. Divertente, affascinante e tenero, La porta di Merle è una «storia d’amore» che mostra come la relazione fra uomo e cane vada ben oltre i limiti che noi abbiamo da sempre istituito.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18
Section 19
Section 20

Section 9
Section 10
Section 11
Section 12
Section 21
Section 22
Copyright

Common terms and phrases

About the author (2010)

Esperto canoista, amante della natura, appassionato conoscitore degli immensi spazi selvaggi d'America, Ted Kerasote, di origine newyorkese, abita nel Wyoming (con Merle), vivendo di caccia e dedicandosi a escursioni, arrampicate, spedizioni e safari. Scrive per diversi giornali e riviste come «National Geographic», «Traveler», «Outside» e il «New York Times». Oltre a «La porta di Merle, ha scritto «Out There: In the Wild in the Wired Age» con il quale ha vinto in National Outdoor Book Award nel 2004.

Bibliographic information