La scuola primaria: Messaggio da Emmaus

Front Cover
Gangemi Editore spa - Architecture - 128 pages
Il tema didattico sviluppato sia nel presente che nel precedente anno dal laboratorio di progettazione architettonica č la scuola primaria. Lo scorso anno la definizione di pensiero provvisorio sottendeva una complessitą che non bisogna evitare ma al contrario affrontare per riuscire ad acquisire la ricchezza insita nella conoscenza contemporanea. Anche quest'anno l'interdisciplinarietą costituisce l'elemento fondamentale del laboratorio che ci permette di tradurre in spazio, nello spazio del progetto, la complessitą citata. La differenza č che tutto quello di cui abbiamo bisogno č gią sotto i nostri occhi: dobbiamo solo riconoscerlo e saperlo leggere. I percorsi contenuti nel libro, strettamente legati al progetto nella prima parte o caratterizzati da ambiti disciplinari differenti - didattica, cinema, teatro, religione, psicologia, poesia, editoria, nuove concezioni tecnologiche, ecc. - possono fornire un prezioso contributo a svelare il complesso intreccio insito nella nostra vita e nell'epoca in cui viviamo Alcune frasi di Įlvaro Siza possono costituire sia una conclusione a questi brevi pensieri che un inizio a quanto richiesto dal pensiero complesso. «L'architetto non č uno specialista. La vastitą e la varietą delle conoscenze che la pratica del progetto oggi comprende, la sua rapida evoluzione e progressiva complessitą, in nessun modo permettono conoscenze e dominio sufficienti. Mettere in relazione - progettando - č il suo dominio, luogo del compromesso che non significhi conformismo, della navigazione nell'intreccio delle contraddizioni, il peso del passato e il peso dei dubbi e delle alternative del futuro - aspetti che spiegano l'inesistenza di un Trattato contemporaneo di architettura. L'architetto lavora con specialisti. La capacitą di concatenare, utilizzare ponti tra conoscenze, creare oltre le rispettive frontiere, oltre la precarietą delle invenzioni, esige un apprendimento specifico e condizioni stimolanti. [...] Nella societą in cui viviamo č impensabile il progetto senza dialogo, senza conflitto e incontro, senza dubbio e convinzione, alternativamente, nella conquista di simultaneitą e di libertą».
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Bibliographic information