Le carte mescolate vecchie e nuove

Front Cover
Nel corso del 2007 Dante Isella aveva pensato di ripubblicare le "Carte mescolate", un libro uscito nel 1987 che conteneva alcuni suoi capitali contributi di metodologia e pratica filologica. Presto l'indice del volume cominciò ad arricchirsi con l'aggiunta di numerosi saggi mai raccolti prima e le "carte mescolate nuove" diventarono alla fine più numerose delle "vecchie". L'indice è stato rimodellato a lungo e sarebbe stato probabilmente ancora ritoccato se Isella non ci avesse lasciato il 3 dicembre del 2007. Silvia Isella ne ha recuperato l'ultima versione e ha curato il volume attenendosi alle ultime volontà del padre. Il libro risulta dunque una sorta di testamento dello studioso, una raccolta di saggi attraverso i quali il lettore può ripercorrere l'assidua lezione di filologia che Isella ha dispiegato affrontando gli scrittori più amati: dal Parini al Manzoni, dal Porta al Dossi. Ma nel volume non mancano contributi su autori da Isella meno frequentati: vi compare l'unico suo saggio dantesco, uno studio sui sonetti del Bramante, un altro su un madrigale di Michelangelo. Sempre con un atteggiamento di rigorosa adesione ai testi e di calorosa empatia con gli uomini che questi testi hanno scritto. Perché per fare filologia d'autore è necessario entrare nei meccanismi creativi degli scrittori, capirne il carattere, studiarne la vita. Per questo Isella non si è occupato di tutti, ma solo degli autori che sentiva vicini per sentire etico e letterario.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
7
Section 2
29
Section 3
51
Copyright

20 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information