Maître italien ou Grammaire françoise et italienne: contenant tout ce qui est nécessaire pour apprendre facilement la langue italienne

Front Cover
chez Jean-Albert Joly, 1808 - 552 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page 88 - Un, deux, trois, quatre, cinq, six, sept, huit, neuf, dix, onze, douze, Treize, quatorze, quinze, seize, dix-sept, dix-huit, dix-neuf, vingt.
Page 421 - Parlo, ma non dimando Se approvi i detti miei Né se tranquilla sei Nel ragionar di me. Io lascio un incostante: Tu perdi un cor sincero: Non so di noi primiero Chi s'abbia a consolar. So che un sì fido amante Non troverà più Nice; Che un'altra ingannatrice È facile a trovar.
Page 118 - Que je croie, que tu croies, qu'il croie, que nous croyions, que vous croyiez, qu'ils croient.. — Que je crusse.
Page 418 - Son questi i capei biondi e l'aureo nodo» dich'io «ch'ancor mi stringe, e quei belli occhi che fur mio sol?» «Non errar con li sciocchi, né parlar...
Page 418 - I' piango: ed ella il volto Con le sue man m'asciuga; e poi sospira Dolcemente; e s'adira Con parole che i sassi romper ponno: E dopo questo, si parte ella e '1 sonno.
Page 88 - Troisième. Quatrième. Cinquième. Sixième. Septième. Huitième. Neuvième. Dixième. Onzième. Douzième. Treizième. Quatorzième. Quinzième.
Page 421 - M'annoia ancor con te. Odi s'io son sincero: Ancor mi sembri bella, Ma non mi sembri quella Che paragon non ha. E (non t'offenda il vero) Nel tuo leggiadro aspetto Or vedo alcun difetto Che mi parca beltà. Quando lo strai spezzai (Confesso il mio rossore) Spezzar m'intesi il core, Mi parve di morir.
Page 412 - n belle donne oneste atti soavi Sono un deserto, e fere aspre, e selvagge. SONETTO. QUEL Rosignuul che sì soave piagne Forse suoi figli, o sua cara consorte, Di 'dolcezza empie il cielo e le campagne Con tante note sì pietose e scorte, E tutta notte par che m' accompagne, E mi rammento la mia dura sorte ; Ch' altri che me non ho di cui mi lagne ; Che 'n Dee non credev
Page 421 - Né intenerir mi sento ; I torti miei rammento, E non mi so sdegnar. Confuso più non sono Quando mi vieni appresso : Col mio rivale istesso Posso di te parlar. Volgimi il guardo altero, Parlami in volto umano...
Page 412 - ... pietose e scorte, e tutta notte par che m'accompagne, e mi rammente la mia dura sorte: ch'altri che me non ho di ch' i' mi lagne, ché 'n dee non credev'io regnasse Morte. O che lieve é inganar chi s'assecura! Que' duo bei lumi assai più che '1 sol chiari chi pensò mai veder far terra oscura?

Bibliographic information