Miti, leggende e superstizioni del medio evo, Volume 1

Front Cover
E. Loescher, 1892 - Christian legends - 398 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 136 - venivano spezie in gran copia? che ad essa approdavano mercatanti e pellegrini in gran numero? Come avrebbe potuto Dante dire il lido di così fatta isola lito diserto Che mai non vide navicar sue acque Uomo che di tornar sia poscia esperto
Page 26 - Quivi il balsamo nasce; e poca parte N'ebbe appo questi mai Gerusalemme. Il muschio ch'a noi vien quindi si parte ; Quindi vien l'ambra, e cerca altre maremme ; Vengon le cose in somma da quel canto Che nei paesi nostri vaglion tanto
Page 131 - balza Dal cerchio della luna esser si stima. Tanto è il desir che di veder lo 'ncalza, Ch'ai cielo aspira e la terra non stima. Dell'aria più e più sempre guadagna, Tanto ch'ai giogo va della montagna.
Page 283 - Alto fato di Dio sarebbe rotto Se Lete si passasse e tal vivanda Fosse gustata senza alcuno scotto,
Page 281 - appartien sapere? Pensi tu, sempre qui bene operando, Di dover l'alta grazia possedere? Non sai tu che tu hai di lassù bando Per non saperti nel ben mantenere? E questo vuoi la tua ribellione, Che stii qui sempre in gran confusione. Se in Dio non esser giustizia dirai, Dappoi che vuoi chiunque ben fa dannare, Così per
Page 39 - Ens ou vregiet l'amiral est entré; Dix ne fist arbre qui péust fruit porter Que il n'éust ens el vregiet planté. Une fontaine i cort par son canel; De paradis vient li rius sans fauser. Il n'est nus nom qui de
Page 125 - Inteso avea che su quel monte alpestre, Ch'oltre alle nubi e presso al ciel si leva, Era quel Paradiso che terrestre Si dice, ove abitò già Adamo ed
Page 156 - Tribus dietis longe ab hoc mari sunt montes quidam, ex quibus descendit fluvius lapidum eodem modo sine aqua, et fluit per terram nostram usque ad mare harenosum. Tribus diebus in septimana fluit et labuntur parvi et magni lapides et trahunt secum ligna usque ad mare harenosum, et postquam mare
Page 211 - et violenta fames. Non ibi tempestas, nec vis furit hórrida venti, Nec gelido terram rore pruina tegit. Nulla super campos tendit sua vellera nubes, Nec cadit ex alto turbidus humor aquae. Sed fons in
Page 211 - morbi, non aegra senectus, Nec mors crudelis, nec metus asper adit, Nec scelus infandum, nec opum vesana cupido, Aut Mars, aut ardens caedis amore Furor : Luctus acerbus abest, et egestas obsita pannis, Et

Bibliographic information