Napoli militare

Front Cover
Stamperia dell' Iride, 1847 - Naples (Kingdom) - 368 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 66 - ... a stampa la ordinanza di SM sulla giurisdizion militare e sopra i delitti e le pene della gente di guerra. I primi nostri tribunali militari sono i consigli di guerra di corpo , i. 58 ne'quali non vi sono altri uffizi permanenti che il...
Page 225 - ... erigere su picciola base alto monumento, il quale a parere del Vasari fu in quella foggia immaginato nel 1470 dal celebre architetto fiorentino Giuliano da Maiano, fratello secondo alcuni, e secondo altri zio di Benedetto, anche celeberrimo. Fece similmente Giuliano l'ornamento della porta Capuana, ed in quella molti trofei variati e belli, onde meritò che quel re gli portasse grande amore , e rimunerandolo altamente , adagiasse i suoi discendenti. E...
Page 251 - ... tempi posteriori sostituite le armi di Alfonso a quelle di Carlo. E le parole del Costanzo debbonsi credere dettate dalla tradizione, allora ch' e' prende a dire nel suo libro XII, che il primo re aragonese fece ingrandire il molo grande , e diede principio alla sala grande del castello, la quale senza dubbio è delle stupende macchine moderne, che sieno in tutta Italia. E tutto questo, verso l'anno 1447, che era il cinquantesimottavo dell
Page 198 - Pisano; perocchè bene conobbe questo sovrano l' importanza e la necessità de' luoghi forti; talchè fu opera sua istessamente la torre di Capua ed il ponte di verso Roma. Il Vasari attribuisce a Fuccio coteste opere, dicendo che questi, allorquando Niccolò Pisano tornava in Toscana, era partito da Firenze e andato in quei giorni, che da Onorio fu coronato Federico imperatore a Roma, e da Roma con Federico a Napoli, dove finì il castel di Capoana, oggi detto la vicaria, e così it castello dell'avo...
Page 216 - Si commmera anche tra i corpi di difesa il rivellino, il quale è uu picciol forte separato e spiccato da tutto il corpo della fortificazione , per lo che è stato cosi detto quasi sia rivulso, e separato dagli altri corpi. GALILEI. dice: A li 28 ottobre di domenica s'incoronò la regina Giovanna al talamo fatto alla cittadella per mano del cardinal di Venezia. Immaginate adunque non aperta la strada di Toledo,la quale fu opera...
Page 46 - ... 25 per servire cinque anni sotto le bandiere , ed altrettanti in riserva nelle proprie case , liberi anche d'ammogliarsi, ma per tornar sotto quelle ad un bisogno. Se non che le nuove leve deputate alle artiglierie , alla cavalleria e gendarmeria son obbligate a militar di continuo per otto anni , compiuti i quali tolgon esse il loro diffinitivo congedo. Tutti i giovani cittadini entran nell'urna della descrizione...
Page 208 - ... cognomi. angioino per farvi con suo disegno la cattedrale. Nè fin qui è discorso della reggia nel castello, nè gli storici napolitani bene avvisano intorno a questo, se pure non ne tacciono affatto. Il Giannone non altro dice nel libro...
Page 197 - ... 1154 re Guglielmo I con l'opera di certo architetto Buono , di cui parla il Vasari nella vita di Arnolfo Lapo , il fondava insieme a quello , che fu detto un tempo castel capuano , del quale fccesi cenno innanzi , ragionando su
Page 260 - ... formerà , osser» vando la molta eleganza della statua posta da lui nella chiesa di » s. Barbara in castel nuovo, la quale rappresenta una Vergine col » bambino in collo, panneggiata con molta ricchezza e scioltezza di » pieghe, senza che queste cagionino in alcun modo un effetto spia» cevole, e sieno intricate o farraginose.
Page 207 - ... della Santa, comechè non sievi su l'altare la sua effigie , ma una tavola antica della deposizion della croce. E solo ne rammentan lei certi sconci affreschi di recente mano , operati su le basse pareti, e il picciol pozzo famigerato,posto in oscurissimo cantuccio,e la pia tradizione istorica, che quivi avesse ella penitentemente durato gli altri giorni brevi di vita, che in mezzo al suo nobil corteo le rimasero , la seconda volta che in Napoli approdava da'mari bizantini.

Bibliographic information