Officina Einaudi: lettere editoriali 1940-1950

Front Cover
Einaudi, 2008 - Language Arts & Disciplines - 431 pages
0 Reviews
Pavese è stato il prototipo dell'editore postmoderno. Nel suo lavoro per l'"officina Einaudi" ha espresso un'idea di cultura allora decisamente anticonformista: una cultura poco ideologica, senza timori di scorrettezza politica, inclusiva e non illuministicamente distintiva. Nasce così la collana viola, con la prima traduzione italiana del reazionario Jung, nasce così la sua idea di pubblicare nella stessa collana "Il capitale" di Marx, "Le mille e una notte" e la Bibbia, suscitando scandalo fra gli altri einaudiani. Le sue lettere a Giulio Einaudi e ai principali consulenti della casa editrice, tra i quali Norberto Bobbio, Felice Balbo, Natalia Ginzburg, Giaime Pintor, Elio Vittorini, raccolte insieme per la prima volta con la presenza di numerosi inediti, permettono di vedere da vicino i suoi percorsi editoriali e il suo mestiere di pubblicare libri.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Giulio Einaudi
18
Franco Venturi
39
Antonio Giolitti
53
Copyright

12 other sections not shown

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information