Opere di Cesare Beccaria ...: Elementi di economia pubblica. Prolusione letta il giorno IX gennaio MDCCLXIX nell'apertura della nuova cattedra di scienze camerali nelle scuole palatine di Milano. Del disordine e de'rimedii delle monete nello stato di Milano nell'anno MDCCLXII. Tentativo analitico sui contrabbandi estratto dal foglio periodico intitolato il Caffè. Della riduzione delle misure di lunghezza all'uniformità per lo stato di Milano, relazione presentata al magistrato camerale il XV gennaio MDCCLXXX

Front Cover
Società tipogr. dei Classici italiani, 1822 - Social Science
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 44 - ... Induriti ad una vita aspra e limitata ai più inesorabili bisogni, preferiscono l'ardire all'industria, il coraggio subitaneo del cuore alla lenta sagacità dell'intelletto ; fra essi giacciono oscure le arti tranquille e sedentarie, e le lunghe e tarde ricompense della laboriosa agricoltura sono ignorate e neglette. Le storie ci provano le nazioni barbare sempre spopolate ; le emigrazioni stesse settentrionali provano piuttosto barbari fuggenti dalla natura distrutta per depredare la natura...
Page 23 - ... dal saggio legislatore. Ben è vero , che essendo fattizia e non stabilita nella natura delle cose la divisione delle nazioni, il travaglio non rappresenta solamente la quantità di cose consumabili prodotta dal proprio paese , ma ancora quella che è prodotta da un altro ; onde consumate le cose del paese proprio , il soverchio delle opere e delle fatiche delle diverse classi rappresenterà la quantità delle cose consumabili che possono fornire le nazioni per le «filali si travaglia. Ciò...
Page 81 - ... cibi, dell'alloggio, del vestito, come per il frequente abbandono de' soccorsi più necessari nelle loro malattie. Un pane ruvido e nero, l'acqua sovente torbida e limacciosa, poco vino acido ed immaturo, alimenti rancidi e nauseosi formano il nutrimento dell'instancabile agricoltore. Lacere e vestite di lordi cenci, nelle angustissime case si costipano le numerose famiglie, o fra l'alito denso e corrotto degli animali si riparano dal freddo. Questo è il destino de...
Page 102 - Sarebbe dunque utilissimo, che in questo secolo di luce e di ricerche, una benefica filosofia rivolgesse l'attonito sguardo dai corpi celesti sulla terra che noi abitiamo, e che si riunissero tutti gli sforzi a svolgere gli oscuri progressi della vegetazione e della vita delle piante. In tanta pompa...
Page 307 - ... individui che gli sono soggetti. Ora il commercio non si fa soltanto per cambiare uguali cose con uguali cose, ma cercando di dar meno di ciò che meno serve, per avere quanto più si può di ciò che serve. Egli è vero che il commercio suppone eguaglianza, cioè stima simile da una parte e dall' altra , la quale stima determina , come abbiamo veduto , il valor delle cose.
Page 81 - ... mezzi alla prontezza ed estensione delle di lei operazioni, e, per l'altra quanto i vantaggi di tali ritrovali si estendano per tutta la durata de' secoli e delle nazioni. 7. .Secondo ostacolo è la poca cura che si ha della classe più laboriosa e più utile alla società , sia per la natura de' cibi, dell'alloggio, del vestito, come .per il frequente abbandono de' soccorsi più necessarj nelle loro malattie.
Page 36 - ... quei mezzi stessi che prima erano scarsi. È perciò egualmente stolida la paura di coloro che temono ad ogni minimo cambiamento di politiche costituzioni di veder sparire le popolazioni, come è chimerica la speranza di quelli che, facendo centro e scopo unico della politica la moltiplicazione del popolo, si danno a credere che quello possa indefinitamente crescere, e cresciuto basti questo solo perché ogni felicità ed ogni bene ne derivi in tale nazione.
Page 90 - ... dubbio che sarebbe utile che tali terre potessero essere vendute a chi fosse in grado di rifondere sopra esse un nuovo capitale di ricchezze, per ritornarle al primo stato di florida riproduzione. Dunque la libertà delle terre tiene alla prosperità della coltivazione; dunque tiene ancora a ciò che forma la base di tutta l'economia d'uno stato; dunque l'abuso dei fedecommessi...
Page 218 - ... barbarie e il bulicame degli antichi errori. Ma le arti e le manifatture, se dalle scienze prendono aumento e perfezione, dalle belle arti in ispecie e dalle matematiche sono mirabilmente nudrite ed allevate. Queste insegnano a discoprire l'esatto raziocinio, il freddo paragone ei più lontani rapporti delle cose sensibili; quelle formano il premio dell'uomo onesto, la delizia delle anime delicate, ed ingrandiscono la sfera naturalmente limitata dei nostri piaceri, non altro essendo che un artificioso...
Page 88 - ... medesimi rivolta a soddisfare i capricci del lusso ei bisogni d'opinione, i quali crescono in proporzione della disuguaglianza de' beni. Ma in questo proposito è rimarcabile la differenza tra quella che chiamasi grande coltura e quella che chiamasi piccola coltura...

Bibliographic information