Le opere di Torquato Tasso, Volume 5

Front Cover
C. Buonarrigo, 1722
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 195 - Alla pianta era avvolto: e 1 suo bel cinto Che del sen virginal fu pria custode, • Di quello stupro era ministro, ed ambe Le mani al duro tronco le stringea : E la pianta medesma avea prestati Legami...
Page 384 - Furioso dell'Ariosto : manca all'Innamorato il fine, al Furioso il principio ; ma nell'uno non fu difetto d'arte, ma colpa di morte, nell'altro non ignoranza, ma elezione di voler fornire ciò che dal primo fu cominciato.
Page 185 - Né l'api d'alcun fiore còglion sì dolce il mei ch'allora io colsi da quelle fresche rose; se ben gli ardenti baci che spingeva il desire a inumidirsi, raffrenò la temenza e la vergogna, o felli più lenti e meno audaci. Ma mentre al cor scendeva quella dolcezza mista d'un secreto veleno, tal diletto n'avea che, fingendo ch'ancor non mi passasse il dolor di quel morso, fei sì ch'ella più volte vi replicò l'incanto.
Page 185 - Amore aguzza l'intelletto!), mi sovvenne d'un inganno gentile, co '1 qual io recar potessi a fine il mio talento 1) : che, fingendo ch'.un'ape avesse morso il mio labbro di sotto, incominciai a lamentarmi di cotal maniera, che quella medicina che la lingua non richiedeva, il volto richiedeva.
Page 187 - Passai per là,dov'é'l felice albergo. Quindi uscian fuor voci canore e dolci E di cigni , e di ninfe, e di sirene, Di sirene celesti; e n' uscian suoni Soavi e chiari, e tanto altro diletto, Ch'attonito godendo, ed ammirando, Mi fermai buona pezza.
Page 513 - ... luoghi comuni, così il lirico parimente tratta ogni materia che occorra a lui ; ma ne tratta con alcuni concetti che sono suoi propri, non comuni al tragico e all'epico ; e da questa varietà de" concetti deriva la varietà dello stile che è fra l'epico e '1 lirico.
Page 190 - L'armi di sua bellezza e come acute, Ma ridendo e piangendo uccida altrui, E l'uccida, e non sappia di ferire.
Page 386 - ... regole d'Aristotele, ha molte e diverse azioni nel suo poema abbracciate, è letto e riletto da tutte l'età, da tutti i sessi, noto a tutte le lingue, piace a tutti, tutti il lodano, vive e ringiovinisce sempre nella sua fama, e vola glorioso per le lingue de...
Page 482 - Boiardo e dell'Ariosto, e le tragiche d'alcuni più moderni, non dobbiamo però lasciarci persuadere che favola alcuna finta in poema nobile sia degna di molta commendazione, come per la ragione tolta dal verisimile...
Page 106 - n me rivolge '1 corso perpetuo ancor sopra la stabil terra, talché 'n sì lunga età, lasso e vetusto, a me stesso fanciullo ancor somiglio, e gli ornamenti miei non vario o perdo, né di tanti lucenti, ed aurei fregi manca pur uno. E s'io da te disgiunto...

Bibliographic information