Parnaso italiano: Morgante Maggiore di messer Luigi Pulci. t. 1

Front Cover
A. Zatta e figli, 1784 - Italian poetry
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page i - Opere dei più. celebri Poeti Ita. liani ec. non vi eflèr cosa alcuna contro la Santa Fede Cattolica , e parimente per Atteftato del Segretario Noftro , niente contro Principi , e buoni Coftumi , concediamo Licenza ad Antonio Zana Stampator di Ve.
Page i - Veneti» che possa, essere stampato , osservando gli ordini in materia di Stampe , e presentando le solite Copie alle pubbliche Librerie di Venezia, e di Padova. Dat. li io. Aprile 178*. ( Andre
Page 160 - Come e' sentì russar, ch'ognun dormiva, e' cominciò per casa a far fardello: alla cassetta de' danar ne giva, ed ogni cosa pose in sul cammello; e come un uscio o qualche cosa apriva, ugneva con quel burro il chiavistello; e come egli ebbe fuor la vettovaglia, appiccò il fuoco in un monte di paglia.
Page 143 - E possono esser tre, due ed un solo, E diriva dal fegato almen quello : E perch'io vorrei ber con un ghiacciuolo, Se...
Page 150 - Dovunque i' vo, lasciarvi il segno soglio come fa la lumaca, e noi nascondo; e muto fede e legge, amici e scoglio, di terra in terra, com'io veggo o truovo, Però ch'io fu
Page 156 - Vorrei, prima che' lumi sieno spenti, che tu traessi ancora un po' di vino; che non par mai la sera io m'addormenti, s'io non becco in sul legno un ciantellino...
Page 145 - La gola ne vien poi drieto a questa arte. Qui si conviene aver gran discrezione, saper tutti i segreti, a quante carte, del fagian, della starna...
Page 142 - Dette del capo del battaglio un picchio in terra, e disse : « Costui non conosco » ; e posesi a sedere in su 'n un sasso, tanto che questo capitoe al passo.
Page 154 - Il fuoco per paura si fe' tosto : Margutte spicca di sala una stanga; l'oste borbotta, e Margutte ha risposto : tu vai cercando, il battaglio t'infranga; a voler far quell'animale arrosto, che vuoi tu tórre un manico di vanga? Lascia ordinare a me, se vuoi, il convito. E finalmente il bufol fu arrostito; non creder con la pelle scorticata: e...
Page 32 - Rinaldo. un occhio vivo, una rosetta in fronte; larghe le nari, e '1 labbro arriccia spesso; corto l'orecchio, e lungo e forte il collo; leggier sì, ch'a la man non dava un crollo. 107. Ma una cosa noi faceva brutto, ch'egli era largo tre palmi nel petto, corto di schiena e ben quartato tutto, grosse le gambe e d'ogni cosa netto, corte le giunte, e '1 pie largo, alto, asciutto, e molto lieto e grato nello aspetto; serra la coda ed annitrisce e raspa, sempre le zampe palleggiava e innaspa. 108. Il...

Bibliographic information