Parnaso italiano: ovvero, Raccolta de' poeti classici italiani, Volume 33

Front Cover
Andrea Rubbi
A. Zatta e figli, 1788 - Italian poetry
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 3 - MS. non vi esser cosa alcuna contro la Santa Fede Cattolica, e parimente per Attestato del Segretario Nostro niente contro...
Page 74 - PIETRO O tu mi guardi torto, o tu non vuoi vedermi, e sempre t'odo proverbiarmi; e non ho maggior conforto ch'udirti, e di vederti sol io godo: e dico che tu se' sempre più bella, e mi pari una ninfa, o una stella.
Page 15 - Diana, quando apparisce alla capanna mia: più chiara se' che acqua di fontana, e se' più dolce che la malvagia; quando ti sguardo da sera o mattina. più bianca se
Page 22 - Pur che mei cacci .nel buco del cuore : . Io mi so mettere e trar la gonnella, E di porci son buon comperatore: Sommi cignere allato la scarsella, E sopra tutto buon lavoratore: So maneggiar la marra ed il marrone , E suono la staffetta e lo sveglione. 28. Tu se' più bella che madonna Lapa, E se...
Page 186 - Dappoich' i' ho perduta la ventura , Caschi pur per me morto ogni amadore. E s'io divento in faccia magra e scura, Non vo...
Page 218 - Cecco è piovuta la ricotta. Ciapino è ver ch'egli ha scambiato piatto; ma la basoffia sua non è men cotta : e la Pasqua in domenica ha la mia.
Page 7 - La ne va a que' cittadini, vedrà che melarance e gaveggini! » Abbiate tutte quante passione, fanciulle, che la Beca è la più bella e canta sopr'un cembol di ragione e del color dell'aria ha la gonnella e mena ben la danza in quel riddone: non c'è più dolce grappola quant'ella. ch'i' mi sollucro quand'ella scambietta di procurar più su che Ila scarpetta.
Page 19 - Nenciozza mia, i' me ne voglio andare, or che le pecorelle voglion bere, a quella pozza, ch'io ti vo' aspettare, e livi in terra mi porrò a sedere tanto che vi ti veggia valicare; voltolerommi un pezzo per piacere. Aspetterotti tanto che tu venga; ma fa
Page 20 - O voi per ammagliar la gammurrina Una cordella a seta cilestrina. Se tu volessi per portare al collo Un corallin di que' bottoncin rossi Con un dondol nel mezzo, arrecherollo, Ma dimmi se gli vuoi piccoli, o grossi, E s...
Page 40 - Ch' e' chiede il manicar come un cristiano . Presi a questi dì arrieto anche un leprotto Laggiù nel me' bacio presso al pantano, E s...

Bibliographic information