Quadreria dei poeti passanti

Front Cover
Bompiani - Fiction - 76 pages
0 Reviews
“Consegnarsi come alito di concerti alla piega del vento. All’orizzonte il mare schiuma con rabbiose e innamorate ninfe di luna danzanti. Il tuo corpo di lava riflette l’eco delle divinità. Catturare il privilegio è lascito ritrovato. E i tuoi occhi ovunque. La visione è più forte dei luoghi con le nostre carezze che hanno implicanze avvedute. Ma sono le labbra a richiamarci, a darci contezza della pena nascosta. L’estensione del conflitto genera diritti con coraggio. Allora l’aurora è un giardino retrostante.” “In questo libro Angelo Scandurra esercita il mestiere dell’intelligenza. Vi si sentono gli eccitamenti della letteratura eterna. La sua prosa sta tra l’essere e il non essere tesa a catturare l’idea di bello e l’idea di pensiero insieme. Non per caso ma perché tale è il suo proposito. Vi sono tante idee di prosa in questa età di confusioni. Ma è l’idea della letteratura, il suo canone, a dargli le indicazioni che ci soddisfano. Sono queste, credo, che segue Scandurra. Ammaliato dalle regole in cui traduce le sue emozioni e dall’idea che le regge: la prosa come opera chiusa, infine. Mi sembra che egli insegua questa superba chimera. Emozione e significato si danno per quello che sono. Nascono esseri di letteratura. Ciascuno causa di se stesso. Destino che l’autore del Cimitero marino riconosceva a tutto ciò che riesce. In questo libro un mixtum tratta di Idee regolate da Idee. Una stregoneria. Ma non si tratta nemmeno di un “discours de prose” se questo, come lo definiva Valéry, è un discorso che messo in altri termini adempie lo stesso officio. Qui, invece, ogni parola tende all’insostituibile.” Manlio Sgalambro

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

About the author (2010)

Angelo Scandurra (1948) vive a Valverde (CT). Promotore del “Gruppo Teatro Nuovo” e direttore della rivista “Il Girasole”, nel 1986 ha fondato “Il Girasole Edizioni”, che accoglie testi di poesia, narrativa e saggistica. Animatore culturale, dal 2003 è Direttore Artistico sezione Arte di Etnafest, rassegna internazionale di Arte, Cinema e Musica. Fra le sue opere il saggio storico Valverde. Un comune dalla leggenda alla storia (Iscre, Catania 1977); l’opera narrativa Appunti per un colloquio forzato (La Vita Felice, Milano 2000), dalla quale è stato tratto il testo teatrale Per un colloquio forzato. Per la poesia: Fuori dalle mura (Sciascia, Caltanissetta 1983 – finalista Premio Viareggio), L’impossibile confine (Piero Manni, Lecce 1989, Premio Cilento-Pinto. Finalista Premio Viareggio-Rèpaci), Trigonometria di ragni (Scheiwiller, Milano 1993), Criteri di fuga (Passigli, Firenze 1998), Il bersaglio e il silenzio (Passigli, Firenze 2003). Una scelta delle sue poesie è stata pubblicata in Svezia, in Spagna e negli Stati Uniti.

Bibliographic information