Quando la mafia trov˛ l'America: storia di un intreccio intercontinentale, 1888-2008

Front Cover
Einaudi, 2008 - History - 282 pages
1 Review
La mafia non si identifica con una societÓ locale, ma rappresenta il frutto perverso dell'incontro di ambienti tra loro diversissimi. Anche per questo la sua storica fortuna deriva dall'intreccio tra i due versanti. Un intreccio che viene generalmente ricondotto alla grande migrazione otto-novecentesca, ma che Ŕ divenuto poi un fenomeno permanente. Esso si ripropone a ondate per tutto il Novecento, sia nei periodi in cui la migrazione fluisce liberamente, sia quando Ŕ regolamentata o proibita. Si muovono le persone, i prodotti legali e illegali, ma anche i modelli associativi criminali. Si tratta di flussi che vanno dalla Sicilia all'America ma anche nella direzione opposta. E il meccanismo Ŕ cosi fluido perchÚ ci sono vuoti sociali, aree grigie tra legalitÓ e illegalitÓ, sistemi di corruzione politica e affaristica, meccanismi identitari che creano campi di azione favorevoli su entrambi i versanti. A cavallo tra i due secoli come nei ruggenti anni '20, negli anni della Grande Crisi come nella congiuntura drammatica della seconda Guerra mondiale, tra le isterie della guerra fredda e le speranze degli anni '60 fino a periodi a noi pi¨ vicini. Nel flusso variegato degli eventi storici, due societÓ cosý diverse domandano entrambe mafia, necessitando dall'altro lato di strumenti non poi cosý diversi di lotta alla criminalitÓ organizzata. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
3
n Tra luna e laltra sponda
41
ni CriminalitÓ organizzata
82
Copyright

4 other sections not shown

Common terms and phrases