Quelli che Milano: Storie, leggende, misteri e varietà

Front Cover
Chi dice che Milano è grigia, noiosa, sempre uguale a se stessa? Che non ci sono estro né fantasia nelle sue strade, affollate solo di gente troppo di fretta per fermarsi un momento a guardare il cielo? Chi lo dice non sa di cosa parla, e magari non conosce le mille trame su cui è cresciuta e si è rafforzata la città della Madonnina. Non ha mai sentito parlare dei suoi misteri, dal lago sotto il Duomo ai coccodrilli bianchi che nuotano nelle fogne cittadine; né delle sue mille evoluzioni, che coinvolgono l’abbigliamento degli abitanti e il materiale per la costruzione delle barricate durante le rivolte; e non ha idea di tutti i personaggi illuminati, visionari, avventurosi e fulminati che hanno fatto e fanno la storia di questa città: da Giuseppina Morlacchi, ballerina della Scala trapiantata nel Far West, allo schiaffeggiatore anticlericale che terrorizzava i preti negli anni Novanta; dai paninari cantati dai Pet Shop Boys ai ragazzi dei centri sociali, fino ai banditi il cui genio criminale ha fatto storia. Perché Milano non si mostra facilmente al passante distratto, ma ha un’anima che si svela all’occhio di chi la sa guardare: è un’idea, una leggenda, un’inafferrabile realtà. È la città dove vorreste essere nati e cresciuti, quando avrete finito di sfogliare questo libro.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Introduzione
Quelli che Milano
A
B
C
D
E
F
M
N
O
P
Q
R
S
T

G
H
I
K
L
U
V
Z
Ringraziamenti
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2010)

Giancarlo Ascari (1951), architetto e autore di fumetti, quando disegna si firma Elfo. Ha scritto e disegnato per “Linus”, “L’Unità”, “Il Corriere della Sera”, “Diario”. Ha pubblicato le graphic novel Love Stores e Tutta colpa del ’68.

Matteo Guarnaccia figura di riferimento della cultura visionaria contemporanea, è artista, saggista e storico del costume. È attivo nel campo della comunicazione, della musica, del design e della moda.

Bibliographic information