Ragionamento delle corti

Front Cover
Mursia, 1995 - Drama - 149 pages
0 Reviews
Pur attratto dalle "corti del mondo", l'Aretino in tutte le sue opere non tralascia mai la satira, l'invettiva più rovente contro la stessa vita di corte, rivelandone gli inganni, la servitù, le miserie, le umiliazioni, le delusioni. In questo Ragionamento sono introdotti come interlocutori Pietro Piccardo e Giovanni Giustiniano. Pietro Piccardo è un vecchio prelato, conoscitore della Corte romana, Giustiniano un valente cultore di studi umanistici. Essi si propongono di distogliere un giovane, Francesco Coccio, noto per le sue traduzioni dal greco e come poeta lirico, dalla risoluzione di abbandonare gli studi e andare a fare il cortigiano (e ci riescono).

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
30
Section 2
36
Section 3
45
Copyright

2 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information