Restaurant Man - Vita, vino e cibo di un giudice di MasterChef

Front Cover
Rizzoli, Jun 13, 2012 - Biography & Autobiography - 321 pages
Cosa mai avranno in comune la lirica con i Led Zeppelin o il Brunello d'annata con il Gatorade? O le forchette recuperate dalla spazzatura di un ristorante con gli investimenti immobiliari milionari oppure, ancora, una coppia di nonni istriani con i boss della finanza newyorkese? ╚ di strane dissonanze come queste e di molto altro ancora (per esempio, quanto conta la matematica nella gestione di un ristorante) che Joe Bastianich ci racconta nella sua biografia, un libro che si legge tutto d'un fiato, come un vero e proprio romanzo: quello di una vita in equilibrio tra due continenti e due generazioni, anello di congiunzione tra il vecchio e il nuovo mondo, tra societÓ di un tempo passato e finanza moderna. Una storia nella quale i valori antichi sono le indissolubili fondamenta dell'azzardo imprenditoriale di oggi, in cui si intrecciano i percorsi di diversi Restaurant Man, ma dove suo padre Felice Ŕ il solo capostipite. La storia che Bastianich ci narra Ŕ ricca di personaggi mitici tra i quali spicca sua madre Lidia, una donna che, partendo da un paesino friulano, diventa una star televisiva nel nuovo mondo; Ŕ da loro che assorbe tutto - ricordi, tradizioni, odori e sapori - per raggiungere grandi traguardi e importanti successi, in un percorso di vita che Ŕ una corsa e una sfida continua. Con una sola grande speranza: tramandare almeno un pezzo di questa scuola di tenacia, passione e determinazione ai propri amatissimi figli. "Per pranzo mia madre mi cucinava vero cibo italiano, lo stesso che sua mamma preparava per lei quand'era bambina. Mangiavamo tutto e questa era una lezione importante: non si buttava via niente. A undici anni ebbi il mio primo incarico come lavapiatti. Aspettavo l'orario di chiusura per ispezionare le panche e raccogliere le monete che i clienti avevano perso. Con il primo bonus da operatore di borsa a Wall Street (una cifra esorbitante) scappai di corsa in un'agenzia viaggi e comprai un biglietto di sola andata per l'Italia. Ancora non lo sapevo ma stavo per imbarcarmi nella pi¨ grande avventura della mia vita: la riscoperta della cucina italiana autentica e della cultura del vino, che non mi avrebbero mai pi¨ abbandonati. Oggi il mio socio in affari, Mario Batali, Ŕ un Restaurant Man al 100%. Mario Ŕ famoso per tener d'occhio la spazzatura: se butti via qualcosa non puoi pi¨ rivenderla. Insieme siamo due veri spilorci d'altri tempi. Quando la gente mi chiede: "Cos'Ŕ che ti motiva?". Io rispondo: "La terribile paura della povertÓ. Ecco cosa mi motiva".
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 12
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18
Section 19

Section 9
Section 10
Section 11
Section 20
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Nasce a New York, nel Queens, da una famiglia di ristoratori emigranti di origini istriane. Figlio della working class, sin da piccolo si “nutre” di gastronomia, settore nel quale inizia un’importante carriera dopo un breve passaggio nel mondo finanziario di Wall Street. Con lo chef Mario Batali apre “Babbo”, ristorante cult di Manhattan. Possiede altri venticinque ristoranti nel mondo, tra i quali “Del Posto”, unico italiano a New York a ottenere le ambite quattro stelle del “New York Times”. Insieme alla famiglia Farinetti, Bastianich ha portato a New York Eataly, l’emporio simbolo della gastronomia italiana. Appassionato viticoltore, possiede anche tre aziende vinicole in Italia. Con Bruno Barbieri e Carlo Cracco Ŕ giudice di MasterChef Italia e con Gordon Ramsey di MasterChef America.

Bibliographic information