Riforma fiscale e identitÓ regionale: il catasto per il Lombardo Veneto (1815-1853)

Front Cover
Vita e Pensiero, 2003 - Business & Economics - 297 pages
Questo volume ricostruisce i complessi passaggi che, tra il 1815 e il 1853, condussero all'estimo fondiario e immobiliare del regno Lombardo-Veneto. Il "nuovo censo" fu nella sostanza l'estensione del vecchio "censo teresiano" alle terre dell'ex repubblica Serenissima, sino alle province di Bergamo e Brescia. GiÓ a inizio Ottocento, durante la dominazione francese, si punt˛ a riformare i vecchi registri censuari della Serenissima. Con il ritorno degli austriaci in Italia, Francesco I, il 23 dicembre 1817, firm˛ il decreto per un estimo nel Lombardo-Veneto su base geometrico-particellare. Il 27 gennaio 1818 fu istituita la Giunta del censimento, una magistratura speciale per la gestione dell'esperimento catastale. La costruzione del nuovo censimento ebbe come primo obiettivo stimare la rendita dei cespiti imponibili e, conseguentemente, eliminare le sperequazioni impositive tra le province lombarde e venete, configurando l'operazione come vera e propria riforma della fiscalitÓ fondiaria.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

La realizzazione del catasto 18211827
115
Sovrana patente 23 dicembre 1817
225
Istruzione per le stime censuarie
233

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information