Saggi danteschi

Front Cover
R. Giusti, 1905 - 292 pages
 

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 230 - Maestro, che tanto greve a lor, che lamentar gli fa s forte?" Rispose: "Dicerolti molto breve. Questi non hanno speranza di morte, e la lor cieca vita tanto bassa, che invidiosi son d
Page 229 - Con lieto volto, ond' io mi confortai, Mi mise dentro alle segrete cose. Quivi sospiri, pianti ed alti guai Risonavan per 1' aer senza stelle, Perch' io al cominciar ne lagrimai. Diverse lingue, orribili favelle, Parole di dolore, accenti d...
Page 231 - Dio spiacenti ed a' nemici sui. Questi sciaurati, che mai non fur vivi, Erano ignudi e stimolati molto Da mosconi e da vespe eh' eran ivi. Elle rigavan lor di sangue il volto, Che mischiato di lagrime, a' lor piedi Da fastidiosi vermi era ricolto.
Page 54 - S, che la sua parvenza si difende, Cos questo fulgor, che gi ne cerchia, Fia vinto in apparenza dalla carne Che tutto d la terra ricoperchia ; N potr tanta luce affaticarne, Ch gli organi del corpo saran forti A tutto ci che potr dilettarne.
Page 189 - Ch' io ho veduto tutto il verno prima II prun mostrarsi rigido e feroce, Poscia portar la rosa in su la cima; E legno vidi gi dritto e veloce Correr lo mar per tutto suo cammino, Perire al fine all
Page 284 - La concreata e perpetua sete Del deiforme regno cen portava Veloci, quasi come il ciel vedete. Beatrice in suso, ed io in lei guardava; E forse in...
Page 238 - Maestro, che quel ch' i' odo? E che gent' , che par nel duol s vinta ? Ed egli a me: Questo misero modo Tengon l' anime triste di coloro, Che visser senza infamia e senza lodo. Mischiate sono a quel cattivo coro Degli angeli, che non furon ribelli, N fur fedeli a Dio, ma per s foro. Cacciarli i Ciel per non esser men belli ; N lo profondo Inferno gli riceve, Ch' alcuna gloria i rei avrebber d
Page 273 - Tanto gi cadde, che tutti argomenti Alla salute sua eran gi corti, Fuor che mostrargli le perdute genti. Per questo visitai l'uscio de' morti, Ed a colui che l'ha quass condotto Li prieghi miei piangendo furon prti.
Page 59 - Anche soggiunse: II fiume, e li topazi! Ch'entrano ed escono, e il rider dell'erbe Son di lor vero ombriferi prefazii: Non che da s sien queste cose acerbe: Ma difetto dalla parte tua, Che non hai viste ancor tanto superbe.
Page 229 - E che gente , che par nel duol s vinta ? Ed egli a me : Questo misero modo Tengon 1' anime triste di coloro, Che visser senza infamia e senza lodo. Mischiate sono a quel cattivo coro Degli angeli che non furon ribelli, N fur fedeli a Dio, ma per s foro. Cacciarli i ciel per non esser men belli, N lo profondo inferno gli riceve, Che alcuna gloria i rei avrebber d

Bibliographic information