Saggi di critica

Front Cover
Unione tipografica cooperativa, 1898 - Literature - 253 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 110 - O insensata cura de' mortali, Quanto son difettivi sillogismi Quei che ti fanno in basso batter l'ali! Chi dietro a iura e chi ad aforismi Sen giva e chi seguendo sacerdozio E chi regnar per forza e per sofismi E chi rubare e chi civil negozio, Chi nel diletto della carne involto S' affaticava e chi si dava all'ozio.
Page 38 - Amor tremendo è il mio. Tu noi conosci ancora: oh! tutto ancora non tei mostrai: tu eri mio: secura nel mio gaudio io tacca; né tutta mai questo labbro pudico osato avria dirti l'ebbrezza del mio cor segreto.
Page 109 - Veramente per la noia non credo si debba intendere altro che il desiderio puro della felicità; non soddisfatto dal piacere, e non offeso apertamente dal dispiacere.
Page 110 - Chi dietro a iura, e chi ad aforismi Sen giva, e chi seguendo sacerdozio, E chi regnar per forza o per sofismi, E chi rubare, e chi civil negozio, Chi, nel diletto della carne involto, S...
Page 85 - Bella virtù, qualor di te s'avvede, come per lieto avvenimento esulta lo spirto mio; né da sprezzar ti crede se in topi anche sii tu nutrita e culta. Alla bellezza tua ch'ogni altra eccede, o nota e chiara o ti ritrovi occulta, sempre si prostra: e non pur vera e salda, ma imaginata ancor, di te si scalda.
Page 84 - Odio la vile prudenza che ci agghiaccia e lega e rende incapaci d'ogni grande azione, riducendoci come animali che attendono tranquillamente alla conservazione di questa infelice vita senz'altro pensiero.
Page 132 - Non tarderà di Troia il danno estremo . Or via, di cibo a ristorar le forze Itene tutti per la pugna . Ognuno L'asta raffili, ognun lo scudo assetti, Di copioso alimento ognun governi...
Page 83 - Nessun pugna per te? non ti difende Nessun de' tuoi? L'armi, qua l'armi: io solo Combatterò, procomberò sol io. Dammi, o ciel, che sia foco Agl'italici petti il sangue mio.
Page 140 - T'onorino gli Achei), tienti remoto Dalla feconda d'ogni mal Contesa. Questi del veglio i bei ricordi furo: Tu gli obbl'iasti. Ten sovvenga adesso, E la trista una volta ira deponi. Ti sarà, se lo fai, largo di cari Doni l'Atride. Nella tenda ei dianzi L...
Page 47 - In vero Biasmare i Teucri, né gli Achei si denno, Se per costei sì diuturne e dure Sopportano fatiche. Essa all'aspetto Veracemente è Dea. Ma tale ancora Via per mar se ne torni } e in nostro danno Più non si resti, né de

Bibliographic information