Saggio critico sul Petrarca

Front Cover
A. Morano, 1907 - 316 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 80 - Umilemente d'onestà vestuta, E par che sia una cosa venuta Di cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi sì piacente a chi la mira, Che da per gli occhi una dolcezza al core, Ch' intender non la può chi non la prova. E par che
Page 133 - XXXI): Quale è colui, che forse di Croazia Viene a veder la Veronica nostra, Che per l'antica fama non si sazia, Ma dice nel pensier, fin che si mostra : Signor mio Gesù Cristo, Dio verace, Or fu sì fatta la sembianza vostra?
Page 79 - con poetica leggiadria : Dante ha innanzi non un pensiero astratto, ma una forma : Negli occhi porta la mia donna Amore, Per che si fa gentil ciò ch' ella mira : Ove ella passa, ogni uom vèr lei si gira, E cui saluta fa tremar lo core
Page 83 - dolorosa, E rotta sì dall' angoscia e dal pianto, Ch' io solo intesi il nome nel mio core: E con tutta la vista vergognosa, Ch' era nel viso mio giunta cotanto, Mi fece verso lor volgere Amore. Egli era tale a veder mio colore, Che facea ragionar di morte altrui. Dch confortiam costui, Pregava
Page 191 - l fianco, Che memoria dell' opra anco non langue, Quando, assetato e stanco, Non più bevve del fiume acqua, che sangue. Cesare taccio, che per ogni piaggia Fece l' erbe sanguigne Di lor vene, ove '1 nostro ferro mise. Or par, non so per che stelle maligne, Che "'l Cielo in odio
Page 193 - mano o d' ingegno, In qualche bella lode, In qualche onesto studio si converta : Così quaggiù si gode, E la strada del ciel si trova aperta. Canzone, io t'ammonisco Che tua ragion cortesemente dica; Perché fra gente altera ir ti conviene, E le voglie son piene Già dell'usanza pessima ed antica Del ver sempre nemica.
Page 209 - Onde alla vista uom di tal vita esperto Diria : questi arde, e di suo stato é incerto. Per alti monti e per selve aspre trovo Qualche riposo; ogni abitato loco E nemico mortal degli occhi miei. A ciascun passo nasce un pensier novo Della mia donna, che sovente in gioco Gira
Page 204 - di chi vi racconti le cose più strazianti con semplicità, senza aggiungervi alcuna osservazione, ma la sua faccia è pallida e sulle labbra è morto il riso : Solo e pensoso i più deserti campi Vo misurando a passi tardi e lenti; E porto gli occhi, per
Page 220 - membra Pose colei che sola a me par donna ; Gentil ramo, ove piacque (Con sospir mi rimembra) A lei di fare al bel fianco colonna; Erba e fior, che la gonna Leggiadra ricoverse Con l' angelico seno; Aer sacro sereno,
Page 79 - Ogni dolcezza, ogni pensiero umile Nasce nel core a chi parlar la sente, Ond' è beato chi prima la vide. Quel, ch' ella par quando un poco sorride, Non si può dicer, nè tenere a mente, Si è

Bibliographic information