Saggio d'un comento alla Comedia di Dante Allaghieri: Inferno, canto quinto

Front Cover
V. Morano, 1880 - 79 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 44 - Dat tecto ingentem, mox aere lapsa quieto Radit iter liquidum, celeres neque commovet alas : Sic Mnestheus, sic ipsa fuga secat ultima Pristis Aequora, sic illam fert impetus ipse volantem.
Page 69 - ... ntento tutto a far bello, se puote. E in questi due luoghi dico io che appariscono questi piaceri dicendo: negli occhi, e nel suo dolce riso; li quali due luoghi per bella similitudine si possono appellare balconi della donna, che nello edificio del corpo abita, cioè l' Anima; perocchè quivi, avvegnachè quasi velata, spesse volte si dimostra.
Page 33 - Semiramis, di cui si legge, Che succedette a Nino, e fu sua sposa: Tenne la terra, che il Soldan corregge. 60 L' altra è colei, che s' ancise amorosa, E ruppe fede al cener di Sicheo; Poi è Cleopatras lussuriosa.
Page 64 - Ma dimmi: al tempo de' dolci sospiri, a che e come concedette Amore che conosceste i dubbiosi desiri? Ed ella a me: « Nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria; e ciò sa il tuo dottore.
Page 56 - E gì' infiammati infiammar si Augusto, Che i lieti onor tornare in tristi lutti. L'animo mio, per disdegnoso gusto, Credendo col morir fuggir disdegno, Ingiusto fece me contra me giusto. Per le nuove radici d' esto legno Vi giuro, che giammai non ruppi fede Al mio signor, che fu d
Page 19 - Vuolsi così colà, dove si puote Ciò che si vuole, e più non dimandare.
Page 39 - ... male; anzi è questo un suo speziale effetto, che si chiama misericordia, ed è passione. Ma pietade non è passione, anzi una nobile disposizione d'animo, apparecchiata di ricevere amore, misericordia e altre caritative passioni.
Page 21 - Ora incomincian le dolenti note A farmisi sentire : or son venuto Là dove molto pianto mi percote. Io venni in loco d' ogni luce muto. Che mugghia, come fa mar per tempesta, Se da contrari venti è combattuto.
Page 49 - Poi che hai pietà del nostro mal perverso. Di quel che udire e che parlar ti piace, Noi udiremo e parleremo a vui, Mentre che il vento, come fa, si tace.

Bibliographic information