Saggio intorno alla lingua maltese come affine dell'ebraico

Front Cover
Micallef, 1880 - Maltese language - 115 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 13 - ... infatti che appartengono' alla prima (il sanscrito, il persiano, il greco, il latino, il germanico, il celtico, lo slavo) son tutti proprietà esclusiva dei figli di lafet. E quei che compongono la seconda (l'ebraico, l'arameo, l'assiro, l'arabico), le han dato il nome appunto di semitica, perocché furon retaggio dei figli di Sem. Se non che cotesta appellazione, universalmente accettata dai filologi dopo l' Eichhorn che primo la introdusse, è, a dir vero, assai impropria; non già per quel...
Page 13 - ... tacitamente negare. Imperocché molte genti camitiche, e forse la lor maggioranza, parlavano anch'elle semitico, o usaron linguaggi, la cui stretta affinità coi semitici li dimostra indubitatamente membri della medesima famiglia. Tali furono i Cananei della Palestina, i Fenicii, gli Etiopi, i Chusiti di Babilonia (la cui lingua era la medesima che quella degli Assiri) e di altre contrade asiatiche; tali pure gli Egiziani (del cui idioma hassi 1...
Page 13 - Gl'idiomi infatti che appartengono' alla prima (il sanscrito, il persiano, il greco, il latino, il germanico, il celtico, lo slavo) son tutti proprietà esclusiva dei figli di lafet. E quei che compongono la seconda (l'ebraico, l'arameo, l'assiro, l'arabico), le han dato il nome appunto di semitica, perocché furon retaggio dei figli di Sem. Se non che cotesta appellazione, universalmente accettata dai filologi dopo l...
Page 95 - Domino nostro Melcarto, domino Tyri. Vir vovens (est) servus tuus (ie sum ego) Abd-Osir cumfratre meo Osirschamar ambo filii Osirschamari, filii Abdosiri.
Page 14 - Per quello poi che risguarda i caratteri fisiologici, le tre famiglie noetiche presentano bensì differenze profonde, per cui tra lor si distinguono, ma al tempo stesso un tal sembiante di fratellanza originaria che non può disconoscersi. Elle infatti appartengono tutte al...
Page 60 - Ital. propriamente? iclaq o meclaq, 'far rumore colla bocca mangiando'. ihhùha o liafftéfa 'vuota', detto di nocella: gellewia m. 'nocella vuota'. "tu (cnt.); ps. 61: «numerandosi gli aranci, le uova e simili, si sogliono contare a sei a sei, quanti ne possono capire le due mani, e quella quantità di sei, suole chiamarsi un »n<3n»; ma jatìs yl m. 'non si conviene, aon è decente'. - Ital. mano? linai*, 'nerboruto, tarchiato': matnazza ymféla 'ben tarchiata'; - dal -i' il. matarazzu? baija,...
Page 13 - Egiziani (del cui idioma hassi l' ultima forma nel copto), ei Nubiani, ei Gallas abissini e gli antichi Libii, da cui provennero le lingue dei Berberi moderni: tutti popoli, i cui parlari, a giudicio de'più valenti linguisti d'oggidì, sono manifestamente rampolli del medesimo ceppo semitico.
Page 63 - Christus ) et adduxit eum ad Jesum. Intuitus autem eum Jesus, dixit: Tu -es Simon filius Jona: tu vocaberis Cephas, quod interpretatur Petrus.

Bibliographic information