Scrivere dopo per scrivere prima: riflessioni e scritti

Front Cover
Casa Editrice Giuntina, 1997 - Literary Collections - 207 pages
0 Reviews
Partendo dall'assunto che si scrive sempre e comunque dopo che ciò di cui si vuole o deve scrivere è diventato esperienza, di interrogazione e quindi culturale oppure di vita, Giacoma Limentani arriva a concludere che la scrittura deve però essere anche uno “scrivere prima”: un fare cioè in modo che l'esperienza che scrivendo si cerca di comunicare aiuti chi legge a guardare al domani. Il suo è un assunto ambizioso, che non decade però nella presunzione in quanto vuole obbedire all'ebraico imperativo di rifarsi al passato per vivere il presente in funzione del futuro. Non solo per garantire omogeneità all'insieme del volume, fra scritti diversi fra loro che coprono un arco di circa trent'anni, la Limentani ha scelto soprattutto i più centrati sull'ebraismo: quello degli ebrei essendo a un tempo destino e imperativo alla diversità, l'esperienza ebraica è particolarmente attuale in una società nella quale i diversi sono sempre più numerosi e sempre meno tollerati.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Tempi mode etichette e sentimento
9
Scrivere dopo
19
riposo di Noè
25
Patto sul Titanic
35
Profeti o uteri?
47
Saul fra gli ebrei
59
gigante di rame
71
Scrivere dopo
87
Per un Golem verità
115
linguaggio del corpo
125
Primo Levi e il rifiuto dellur1o
133
Uccidere per salvare
141
Tra realtà e finzione
149
Londra Berlino Odessa Sodoma
159
Sul ghiaccio
167
La cavalcata del pregiudizio
175

pensiero narrante
101
papavero Praga
109

Common terms and phrases

Popular passages

Page 13 - L'anima, l'animo, la voglia di vita. O nessuno, o qualcuno, o forse un solo, o tu Che mi leggi: ricorda il tempo Prima che s'indurisse la cera, Quando ognuno era come un sigillo. Di noi ciascuno reca l'impronta Dell'amico incontrato per via; In ognuno la traccia di ognuno. Per il bene od il male In saggezza o in follia Ognuno stampato da ognuno.
Page 14 - Raggiungibile, vicina e non perduta in mezzo a tante perdite, una cosa sola: la lingua. La lingua, essa sì, nonostante tutto, rimase acquisita. Ma ora dovette passare attraverso tutte le proprie...

Bibliographic information