Storia pittorica della Italia dal Risorgimento delle belle arti: fin presso al fine del XVIII secolo, Volume 1

Front Cover
Silvestri, 1823 - Painting
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 18 - Badia è una delle sue prime opere 5 lo stile è ancor secco, ma vi è una grazia e una diligenza che prelude agli avanzamenti che poi si videro. La simmetria divenne per lui più giusta, il disegno più dolce , il colorito più morbido : quelle mani acute, que' piedi in punta, quegli occhi spauriti, che teneaiio ancora del greco gusto, tutto divenne più regolato.
Page 328 - Lieta scuola fra lieto popolo è la senese: e nella elezion de' colori e nell'aria de' volti rallegra tanto, che alcuni esteri ne son restati presi talvolta fino a preferirla alla fiorentina. Del qual giudizio non è solamente cagione quel gaio aspetto che io diceva, ma una circostanza osservata da pochi, e da ninno prodotta mai. Quanto i pittori senesi fecer di meglio, tutto è al pubblico in quelle chiese; e chi le ha vedute non ha gran mestieri, a voler conoscerli, di osservare le quadrerie, che...
Page 247 - ... ombra ; si deferì meno alla pratica, e più alla natura. Di qua sorse un nuovo stile , eh' è de' migliori , pare a me , che in Italia si sian tentati , corretto sul gusto nazionale , morbido e ben rilevato sul far lombardo. Se avessero aggiunto alle forme qualche studio di greca eleganza, alla espressione qualche osservazione più fina, la riforma della pittura, che in Italia si vide circa a questo tempo , non si ascriverebbe a Firenze nieu che a Bologna. Alcune combinazioni favorevoli vennero...
Page 7 - ... libri ed altri fogli, uomini, cavalli, casamenti ed altre diverse fantasie: alla quale inclinazione di natura fu favorevole la fortuna; perché essendo chiamati in Firenze, da chi allora governava la città, alcuni pittori di Grecia, non per altro, che per rimettere in Firenze la pittura piuttosto perduta che smarrita, cominciarono, fra l'altre opere tolte a far nella città, la cappella de...
Page 330 - La stessa vivacità dell'indole ha forse ostato alla perfezione del disegno, che non è il forte di que' maestri, come può dirsi de' fiorentini. Nel resto non ha la scuola senese caratteri così originali, come alcune altre; ei suoi professori de' miglior tempi si sono distinti imitando chi questa maniera e chi quella.
Page 262 - Ma nel dipingere molti ebbe uguali; nell' insegnare pochissimi, sì per facile comunicativa, sì per esenzione da invidia , sì per accortezza in conoscer gì* ingegni , e in guidar ciascuno per la sua via ; ragione per cui la sua scuola, quasi come la caraccesca, produsse tanti stili quanti ebbe alunni. Il suo temperamento tutto placidezza non era fatto a ideare nuove e strepitose composizioni, o ad eseguirle cou una certa risoluzione , che caratterizza i pittori d'estro.
Page xxxvi - I periti awicinansi allora al quadro, per farvi sopra quelle diligenze che si costumano nelle giudicature, quando trattasi della ricognizione di un carattere. La natura per sicurezza della società civile da a ciascuno nello scrivere un girar di penna, che difficilmente può contraffarsi o confondersi del tutto con altro scritto. Una mano avvezza a moversi in una data maniera, tien sempre quella: scrivendo in vecchiaia divien più lenta, più trascurata, più pesante ; ma non cangia affatto carattere....
Page 213 - Gli sono stati opposti de' passi della prima edizione, che avea ritrattati nella seconda ; gli si è fatto carico di qualche brutto ritratto ? quasi fosse sua colpa quella eh" era della natura; gli sono state volte in sinistro senso le più innocenti espressioni; si è voluto far credere che inteso a elevare i suoi Fiorentini abbia negletti tutti gli altri Italiani; come se, per fare onore anche a questi, non avesse viaggiato , e cerche notizie , ancorché spesso inutilmente, come raccontai.
Page xi - Se questa brama ha dominato in altra età, è stata quasi ed è il carattere della nostra. Noi ci troviamo per una parte in tempi favorevolissimi alla coltura dello < spirito : dilatati i confini delle scienze oltre quanto...
Page 209 - Vasari era sci-iti m- buono (a), e capace anche a distendere le notizie , e con più proprietà di termini che il Giovio stesso, ne rimase a lui tutto l'incarico, in modo però, che per far...

Bibliographic information