Studi sul valore della moneta

Front Cover
Fratelli Bocca, 1891 - Money - 148 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 37 - ... altre nazioni, che non hanno rapporti diretti coi paesi produttori di metalli preziosi, finchè in ciascun paese il valore della moneta sia adeguato al suo costo di importazione.
Page 59 - B eco.; nel qual caso il valore medio che ottengono i prodotti è precisamente eguale alla media dei due valori massimi. Ma in luogo di ricorrere a questa inutile oscillazione del valore e della domanda, le due nazioni preferiranno di stabilire senz' altro quel valore medio, che nel fatto ottengono i prodotti; e questo sarà pertanto il valore normale internazionale. Questo valore, appunto perché è la media dei due valori massimi, è equidistante da entrambi; quindi la perdita che fanno le due...
Page 95 - ... mentre era stata avanzata a dimostrare la dipendenza del valore della moneta dal suo costo e della quantità della moneta circolante dal suo valore, giunge ora a dimostrare che il valore della moneta è indipendente dal costo e solo dipendente dalla quantità. Se infatti, secondo la teoria del costo di produzione, un aumento nella produttività delle miniere ha per ineluttabile effetto una diminuzione del valore della moneta, che si realizza...
Page 86 - Tooke, si possono regolare, con riguardo allo stato dei cambi esteri o al saggio dell' interesse. Ora se una Banca regola le sue emissioni con riguardo ai cambi esteri e le contrae a mano a mano che si fanno più gravi le cause, che agiscono a deprimerli, la diminuzione delle emissioni viene sentita assai gravemente, sia per la elevazione dell'interesse, sia per la diminuzione dei prezzi » (2). Una Banca, soggiunge Fullarton, può certamente, nel caso di una esportazione d...
Page 15 - ... diminuisce il suo costo di produzione. Si osservi che ogni alterazione nel costo della moneta non modifica soltanto il valore della nuova moneta, ma anche quello della moneta già circolante, la quale perciò rappresenta un costo maggiore o minore di quello, che è in essa realmente contenuto. Quindi, se il costo di produzione della moneta scema, la moneta circolante rappresenta una quantità di lavoro minore di quella, che è in essa contenuta, e che deve essere rappresentata dal medio circolante;...
Page 7 - ... della moneta ed il suo valore, non è un rapporto di causa ad effetto, ma di effetto a causa. Ed invero se una diminuzione nel costo della moneta rende perentoriamente necessaria una diminuzione corrispondente del suo valore, e se questa modificazione del valore della moneta non può realizzarsi, che mediante un aumento della sua quantità; ciò vuoi dire che la mutazione del costo di produzione della moneta, per ciò stesso che genera la mutazione del suo valore, genera la mutazione di quantità,...
Page 129 - ... aumento della quantità di questa ha per necessario risultato una eguale elevazione nominale del valor de' prodotti e della moneta metallica. Suppongasi invece che, invariata la quantità di cartamoneta, cresca la domanda di metallo, onde, secondo la dottrina, l'aggio si elevi rimanendo inalterati i prezzi in cartamoneta. Si avrà dunque: 100 misure tela = 100 L. oro; 100 misure tela = 100 L. carta; 100 L. oro = 120 L. carta. Il risultato immediato di questa divergenza fra il disaggio e la diminuzione...
Page 98 - ... afflusso di metallo per una bilancia favorevole non arreca al mercante alcun guadagno, mentre anzi gli toglie quel lucro, che avrebbe potuto ottenere, se il paese estero avesse spedito merci, dalla vendita di queste sul mercato nazionale. Quindi in tali condizioni il mercante, non facendo alcun guadagno, non estenderà il suo consumo di prodotti, ma risparmierà la moneta depositandola presso una Banca, ed astenendosi da ogni spesa improduttiva (2). Or qui l'errore è evidente. Se la moneta importata...
Page 45 - ... imposta fu stabilita, avrà sempre vantaggio dalla importazione del prodotto tassato. — Se p. es. finora in Italia 100 metri tela equivalgono a 100 misure grano, e cosi in Inghilterra, e in Italia si stabilisce un'imposta sul grano, questo incarisce; se il grano è 'materia prima della tela, anche la tela incarisce, ma in ragione minore; dunque il valore del grano rispetto alla tela si eleva, onde si ha p. es. 90 misure grano = 100 metri tela. Ma in tali condizioni è nell'interesse dell' Italia...
Page 137 - L. verso 1' estero dovrà pagare, per una cambiale di questo importo, in caso di bilancia sfavorevole, il prezzo di quella quantità di merci che il paese estero sarebbe disposto ad aquistare per 1000 L., più le spese di trasporto delle merci medesime. Perciò in queste condizioni il maximum del cambio si determina in funzione della domanda ed offerta internazionale, mentre nel regime della circolazione metallica ne è indipendente (2). Ci rimane- ad esaminare quali influenze eserciti 1' aggio sul...

Bibliographic information