Tele-visioni. L'audience come volontÓ e come rappresentazione

Front Cover
A. Marinelli, G. Fatelli
Meltemi Editore srl, 2002 - Language Arts & Disciplines - 168 pages
0 Reviews
In Italia l'audience Ŕ stata un tab¨ per tanti intellettuali, un totem per tanti autori e una fonte di litigio per tutti. Raramente Ŕ stata quello che avrebbe dovuto essere: l'oggetto di uno studio sereno. Se c'Ŕ una lezione da trarre Ŕ la seguente: nel nostro paese la televisione ha avuto e continua ad avere un ruolo fondamentale, ben oltre i suoi meriti e ben oltre i suoi difetti. Per realizzare questa antologia Fatelli e Marinelli si sono rivolti alla ricca e innovativa letteratura anglosassone: da Silverstone a Morley, da McQuail a Hall, per citare i pi¨ noti. Il lavoro che ne Ŕ scaturito non Ŕ solo uno strumento di lavoro e di riflessione prezioso per gli studenti e per i ricercatori, ma anche un punto di riferimento obiettivo e aggiornato. E costituisce un contributo serio per liberare il dibattito sui media da sofismi e livori proponendo una traccia che liberi la ricerca da una soffocante dimensione tecnicistica o inutilmente polemica.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
7
concettualizzazione
22
da parte dellindividuo
46
Codifica e decodifica
66
Lo spettatore attivo
84
Verso unetnografia dellaudience televisiva
115
Gli autori
153
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

References to this book

Bibliographic information