Ultime lettere di Jacopo Ortis

Front Cover
Taylor & Francis, Jan 1, 1997 - Fiction - 334 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
ix
Section 2
liii
Section 3
lxvii
Section 4
3
Section 5
4
Section 6
5
Section 7
67
Section 8
68
Section 11
190
Section 12
195
Section 13
197
Section 14
249
Section 15
258
Section 16
259
Section 17
317
Section 18
325

Section 9
98
Section 10
115

Other editions - View all

Common terms and phrases

References to this book

All Book Search results »

About the author (1997)

LA VITA Niccolo Foscolo (Ugo e il suo pseudonimo) nasce nel 1778 a Zante e compie i primi studi nel seminario di Spalato. Nel 1792 si trasferisce a Venezia dove, nonostante la poverta della famiglia, completa l'istruzione comprendendo, oltre ai classici, anche i filosofi settecenteschi. Per le sue idee rivoluzionarie giacobine e costretto a fuggire nel 1796 sui colli Euganei, dove traccia il primo nucleo dell'Ortis. Ottiene i primi successi come letterato con la tragedia "Tieste." Nel 1797 in seguito al trattato di Campoformio (Napoleone cede Venezia all'Austria) Foscolo ripara a Milano, capitale della repubblica Cisalpina francese. Qui conosce il Monti e il Parini e dirige per un breve periodo il "Monitore italiano." Combatte valorosamente sotto Napoleone quando la penisola viene attaccata dalle truppe austro-russe; ottiene in seguito numerosi incarichi diplomatici che lo porteranno a viaggiare in tutta Italia. E' questo un periodo di ricca vita sentimentale e artistica in cui pubblica l'Ortis (1802), le Odi e i Sonetti (1803). Dal 1804 al 1806 vive nella Francia del Nord in attesa dell'ordine di Napoleone per invadere l'Inghilterra. Qui traduce il "Viaggio Sentimentale di Yorik" dello Sterne, elabora la figura di Didimo Chierico e conosce Sofia Emerytt, da cui avra un figlia, Floriana. Tornato in Italia nel 1806 compone i "Sepolcri." Nell'1808 gli viene offerta la cattedra di eloquenza dell'Universita di Pavia (orazione inaugurale: "Dell'origine e dell'uffizio della lettaratura") ma la cattedra viene presto soppressa. Nel 1811, in seguito al clamoroso insuccesso dell' "Aiace," lascia Milano per Firenze, dove trascorre tra il '12 e il '13 un periodo serenissimo nella villa di Bellosguardo, dove compone la maggior parte delle Grazie, e scrive la "Ricciarda," la terza delle sue tragedie. Dopo la sconfitta di Napoleone torna a Milano, ora sotto gli Austriaci, i quali gli fecero proposte generose affinche collaborasse col nuovo governo ed aiutasse a catturare le simpatie dei lombardi. Ma dopo un'iniziale esitazione decide di abbandonare per sempre l'Italia e di auto-esiliarsi prima a Zurigo e poi a Londra. Trascorre gli ultimi anni tra passioni infelici, continue difficolta economiche, ma compone importanti saggi critici sulla poesia italiana. Muore nel 1827 all'eta di 49 anni, e nel 1871 la sua tomba sara trasferita a Santa Croce.

Bibliographic information