Una Costituzione amica

Front Cover
Garzanti - Political Science - 434 pages
0 Reviews
L'Italia repubblicana sta attraversando uno dei momenti più difficili della sua storia. In questa situazione solo l'unità del paese e un forte senso di solidarietà sociale possono offrire speranza di un futuro accettabile per tutti. A infondere questa convinzione è la Costituzione, il patto su cui è fondata la nostra repubblica. Tuttavia in questi decenni la Costituzione non ha avuto vita facile. Nata in una stagione di generosi entusiasmi e alimentata dalla volontà di rompere con il passato, all'inizio apparve a molti una testa di ponte lanciata verso l'utopia: dunque per molti aspetti cruciali la sua attuazione fu assai lenta. Negli ultimi trent'anni è stata invece costantemente sotto attacco, per vari motivi: l'ansia di governabilità, le spinte federaliste o addirittura secessioniste, infine le ansie del «cittadino globale» e la debolezza degli stati di fronte a entità sovranazionali, quali la globalizzazione, la pressione della finanza e dei mercati, e la stessa Unione europea. Con competenza, lucidità e passione civile, Elvio Fassone ci trasmette il senso profondo della carta che fa di noi dei cittadini, e che per questo è definita «amica». Ne evidenzia la genesi e gli obiettivi, soppesa la validità dei suoi principi, racconta i tentativi di riforma - più o meno condivisibili - portati avanti in questi anni. Soprattutto, ci fa capire dove e come può essere aggiornata, per guidare l'Italia e gli italiani in un'epoca di grande cambiamento.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 12
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18
Section 19

Section 9
Section 10
Section 11
Section 20
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Elvio Fassone (Torino 1938) è stato magistrato e componente del Consiglio superiore della magistratura. È stato eletto senatore della Repubblica per due legislature, dal 1996 al 2006, facendo parte della Commissione Giustizia. È autore di numerose pubblicazioni in materia penitenziaria (tra queste La pena detentiva in Italia dall'800 alla riforma penitenziaria, 1980), in materia processual-penale (tra queste: Riflessioni sul tema della prova, 1985; La prescrizione del reato, 2001) e su temi politico-istituzionali (Piccola grammatica della grande crisi, 2009; Verso la fine del Parlamento? Dieci anni a Palazzo Madama, 2009).

Bibliographic information