Vincent, mio fratello

Front Cover
Skira Editore - Fiction - 96 pages
0 Reviews
Il memoriale, inedito in Italia, scritto dalla sorella minore di Van Gogh, Elisabeth, si concentra sull’adolescenza e la prima maturità del giovane Vincent, quando viveva nell’orbita della famiglia. “La sua formazione non era ancora finita. La forza della sua arte apparteneva ancora a un lontano futuro, lontano quanto distanti erano le torri all’orizzonte. Il suo genio, ancora sopito, continuava a farsi strada lentamente e inconsciamente.” Elisabeth tratteggia il ritratto di un ragazzo dalla sensibilità fuori dal comune, amante della natura e della vita solitaria e ripercorre i molti tentativi di Van Gogh di trovare un ruolo nella società del tempo, tutti irrimediabilmente falliti: libraio, assistente di un mercante d’arte, insegnante di francese, predicatore evangelico. Un giovane con una religiosità tormentata, capace di assistere gli ammalati durante un’epidemia di tifo e di condurre un’esistenza spartana, ai limiti del fanatismo. Uno sguardo privilegiato sulle ossessioni, le manie e le stranezze di un genio alla ricerca di se stesso.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Elisabeth Huberta van Gogh, di cui si hanno scarsissime notizie biografiche, era nata nel 1859, quando Vincent aveva sei anni. Era la sorella intermedia: dopo il pittore – primogenito della famiglia, se si eccettua l’omonimo bambino nato morto esattamente un anno prima – erano venuti alla luce Anna, nel 1855, Theo, nel 1857 e, dopo Elisabeth, Willemina, nel 1862 e infine Cornelis, nel 1867.

Bibliographic information