Vincere la paura

Front Cover
Edizioni Mondadori, Oct 7, 2010 - Political Science - 210 pages
1 Review
Per la prima volta Magdi Allam racconta se stesso, musulmano laico nato e cresciuto nell'Egitto di Nasser ed emigrato in Italia nel 1972: "Partendo dal mio vissuto posso testimoniare che soltanto quarant'anni fa la situazione in Medio Oriente era radicalmente diversa. La società e le istituzioni erano laiche. La cultura dell'odio e della morte, che l'Occidente oggi associa ai musulmani, non è nel Dna dell'islam". Un atto di accusa contro gli estremisti che mirano al controllo delle moschee, i giornalisti che simpatizzano con i terroristi, la sinistra che strumentalizza la "guerra ingiusta" per il proprio tornaconto elettorale, la classe politica che paga milioni di euro per il rilascio degli ostaggi italiani senza preoccuparsi del fatto che quei soldi provocheranno nuove stragi tra gli iracheni. Una vibrante denuncia che culmina in due lettere aperte: a Oriana Fallaci per la sua volontà di criminalizzare l'insieme dei musulmani e a Tariq Ramadan per il suo tentativo di imporre una realtà integralista in seno alle comunità musulmane d'Europa. Nonostante tutto Allam è convinto che un islam moderato, rispettoso del valore della sacralità della vita, finirà con il prevalere. Perché all'interno del mondo islamico è in atto una riscossa civile ed etica e un rinascimento liberale che ha per protagonisti gli uomini e le donne che sempre più si ribellano al terrorismo. Vincendo la paura.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Parte primaLa paura e la speranza
IOnore ai martiri della libertà
IILa paura dellhomo islamicus
IIILislam che ho vissuto
IVLislam che mi fa paura
VLOccidente che mi fa paura
VIIl mondo che mi fa sperare
Parte secondaTra due fuochi
VIILettera aperta a Oriana Fallaci
VIIILettera aperta a Tariq Ramadan
Ringraziamenti
Indice
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information