Vita di Benvenuto Cellini: orefice e scultore fiorentino, Volume 3

Front Cover
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 299 - ... e l'origine mio e tutte le cose che io avevo fatto al mondo; e così scrissi tutti gli anni che io avevo servito questo mio glorioso signore duca Cosimo. Ma considerato poi quanto e' principi grandi hanno per male che un lor servo dolendosi dica la verità delle sue ragioni, io rimediai a questo; e tutti gli anni che io avevo servito il mio signore il duca Cosimo...
Page 318 - ... quelli che bene non posseggono la Scultura. La Pittura non è altro, che o albero, o uomo, o altra cosa, che si specchi in un fonte. La differenza che è dalla Scultura alla Pittura è tanta, quanto è dalla ombra e la cosa che fa l'ombra.
Page 390 - Benedetto, perché e' paia pur che io abbia ricevuto , come io ho , il vostro libretto, risponderò qualche cosa a quel che mi domandate , benché ignorantemente. Io dico che la pittura ini par più tenuta buona, quanto più va verso il rilievo, ed il rilievo più tenuto cattivo quanto più va verso la pittura ; e però a me soleva parere che la scultura fosse la lanterna della pittura , e che dall' una ali' altra fosse quella differenza che è dal sole alla luna.
Page 371 - Lionardo, infra le altre mirabili cose , eh' erano in su esso , trovai un Discorso della Prospettiva , il più bello che mai fusse trovato da altro uomo al mondo , perché le regole della Prospettiva mostrano solamente lo scortare della longitudine , e non quelle della latitudine e altitudine. Il detto...
Page 271 - E, perché già e' si era sparso la fama per il mondo di quel nostro Maso Finiguerra, che tanto mirabilmente intagliava di niello (e si vede di sua mano una Pace con un Crocifisso dentrovi insieme con i dua ladroni, e con molti ornamenti di cavagli e di altre cose, fatta sotto il disegno di Antonio del...
Page 310 - M. Benedetto mio caro, voi mi dite che il nostro M. Pietro Bembo si lascia crescere la barba, che per certo assai mi piace, che faremo cosa con molto più bella forma. Ora, per dirvi la cosa come ella sta, avendo questa fantasia di lasciarsi crescere la barba, vi fo intendere che in due mesi non sarà tanto grande che stia bene, che non sarà più che due dita lunga, e sarà imperfetta, a tale che, facendo la sua testa in medaglia in questo modo, quando la barba venga poi al suo dovere, la mia medaglia...
Page 371 - Francesco , essendo innamorato gagliardissimamente di quelle sue gran virtù , pigliava tanto piacere a sentirlo ragionare , che poche giornate dell' anno si spiccava da lui ; qual fumo causa di non gli dar facoltà di poter mettere in opera quei sua mirabili studii, fatti con tanta disciplina. Io non voglio mancare di ridire le parole , che io sentii dire al Re di lui , le quali disse a me , presente il Cardinal di Ferrara e il Cardinal di...
Page 378 - ... che il niellato venga senza bucolini , e unito e bello , bisogna farlo bollire nell' acqua con molta cenere , che sia nettissima , e sia cenere di quercia (la qual voce si chiama per arte fare una cenerata ) : di poi che la tua opera sarà stata in nel calderone a bollire per lo spazio d
Page 382 - Essequie del divino Michelagnolo Buonarroti, con alcuni sonetti e prose latine e volgari di Diversi, circa il disparere occorso tra gli Scultori e Pittori.
Page 316 - ... facendole disegnate in carta con tutta quella misura e grazia , che in disegno si può mostrare , e poi volendo da quel disegno colle medesime misure fare o la colonna o il vaso di Scultura , diviene opera non a gran pezzo graziata, come mostrava il disegno, anzi par falso e...

Bibliographic information