l'Umanista Informatico

Front Cover
Apogeo Editore - Computers - 240 pages
Non si tratta di ECDL. Questo libro è per gli umanisti curiosi, che pensano di poter dare un contributo importante - con l'informatica - nel mondo del lavoro, in particolare in quei settori dove l'informazione è la prima risorsa e la comunicazione vitale.Non è vero che chi ha studiato Lettere e Filosofia (o un'altra disciplina umanistica) non ha attitudini "tecnologiche", perché l'informatica, a qualsiasi livello, è traducibile in un linguaggio. E l'umanista, forte degli anni passati a studiare documenti e lingue definite dal migliore computer in circolazione (ovvero il cervello umano), può facilmente comprendere e utilizzare questi linguaggi. Basta cambiare approccio e andare all'essenza della tecnologia, cominciando a studiare la sintassi delle lingue (codici e protocolli) delle macchine, che per quanto sofisticate non raggiungono la complessità del cervello umano. Fatto questo la differenza la fa solo l'esperienza. - Il ruolo dell'umanista nella comunicazione digitale - L'informazione nel mondo digitale - La lingua della struttura e della semantica: XML - La comunicazione in Rete tra client e server - Le lingue del Web: HTML e CSS - La lingua dei database: SQL - I linguaggi di programmazione - La lingua di Google
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18
Section 19
Section 20

Section 9
Section 10
Section 11
Section 12
Section 21
Section 22
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information