Il Propugnatore, Volume 5

Front Cover
Francesco Saverio Zambrini, Giosuè Carducci
G. Romagnoli, 1872
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 413 - Quivi è la rosa in che il verbo divino carne si fece; quivi son li gigli al cui odor si prese il buon cammino.» Così Beatrice; e io, che a' suoi consigli tutto era pronto, ancora mi rendei alla battaglia de
Page 404 - O sacrosante Vergini, se fami, Freddi, o vigilie mai, per .voi soffersi, Cagion mi sprona, ch
Page 170 - ... una giovane Fiorentina, indispettita con chi avea promesso di sposarla : « Caro mio, bisogna finirla una volta, non posso restare così sospesa come un' anima del Limbo. Se volete sposarmi, bene; se no, ognuno pigli la sua via e amici più di prima. È tanto tempo che vo sospirando! non voglio struggermi di desiderio : o dentro o fuori, spicciatevi, che sarà meglio per tutti e due; non mi tenete più in questa bilancia.
Page 299 - E mi dolgo soprattutto che presso noi sieno così scarse le monografie o gli studii speciali sulle epoche e sugli scrittori. I nostri concetti sono vasti, inadeguati alle nostre forze; e più volentieri mettiamo mano a lavori di gran mole, da cui non possiamo uscir con onore, che a lavori ben circoscritti e ben proporzionati a
Page 406 - E da questo immaginare, cominciai ad andare- là, ov' ella si dimostrava veracemente, cioé nelle scuole de' religiosi e alle disputazioni de' filosofanti: sicché in picciol tempo, forse di trenta mesi, cominciai tanto a sentire- della sua dolcezza, che il suo amore cacciava e distruggeva ogni altro pensiero.
Page 96 - Mentre che l'uno spirto questo disse, L'altro piangeva si, che di pietade Io venni men cosi com'io morisse; E caddi, come corpo morto cade.
Page 202 - E quale è quei che disvuoi ciò che volle, E per novi pensier cangia proposta, Sì che del cominciar tutto si tolle; Tal mi fec' io in quella oscura costa , Perché, pensando, consumai la 'mpresa, Che fu nel cominciar cotanto tosta.
Page 225 - Mostrocci un' ombra dall' un canto sola, Dicendo: Colui fesse in grembo a Dio Lo cor che in sul Tamigi ancor si cola. 120 Poi vidi genti, che di fuor del rio * Tenean la testa ed ancor tutto il casso: E di costoro assai riconobb
Page 170 - ... privi di Dio, vivendone in desiderio senza speranza di vederlo più mai. Perciò di forte maraviglia ci riesce il sentire fra il popolo recata a un pressoché simile uso quella stessa parola, quale a me venne fatto di notarla nel discorso d...
Page 93 - La bufera infernal, che mai non resta, Mena gli spirti con la sua rapina ; Voltando e percotendo li molesta.

Bibliographic information