Belli e perdenti: antieroi e post-eroi nella narrativa contemporanea di lingua inglese

Front Cover
Armando Editore, 2012 - Literary Criticism - 191 pages
0 Reviews
Modello positivo nell'iconografia letteraria post-sessantottesca, il perdente viene travolto in Occidente, negli anni Ottanta, dal mito del successo, per poi riemergere, a fine secolo, apaticamente adagiato in un orizzonte di sconfitte quotidiane. Questo volume esamina le trasformazioni che la figura del perdente ha subito nella narrativa in inglese, in un percorso che va dai primi anni Sessanta, con Alan Sillito e il suo maratoneta, fino ai giorni nostri passando attraverso i beautiful losers di Leonard Cohen, gli eterni adolescenti depressi di Nick Hornby e gli everymen e Jonathan Coe.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
9
estetica della sconfitta
31
magia e favola del fallimento
63
il fallimento
99
Lo scrittore come perdente
137
non senso della fine
165
Indice dei nomi
187
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information