Die Dichtungen des Michelagniolo Buonarroti

Front Cover
G. Grote, 1897 - 546 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Popular passages

Page 199 - 1 vizio e la virtute il cor confuso mi travaglia e stanca; come chi '1 ciel non vede, che per ogni sentier si perde, e manca. Porgo la carta bianca a...
Page 203 - Ond'e suggetta al variar d'un bel viso. Dolce e ben quella in un pudico core Che per cangiar di scorza o d'ora strema Non manca, e qui caparra il paradise.1 Beauty, then, is an incorporeal essence "immaginata o vista dentro al core," but it is also something that the whole creation groans and travails to produce.
Page 227 - Se con lo stile o coi colori avete Alla natura pareggiato l'arte, Anzi a quella scemato il pregio in parte, Che '1 bel di lei pi...
Page 201 - Dalle pi alte stelle discende uno splendore che '1 desir tira a quelle, e qui si chiama amore. N altro ha il gentil core che l'innamori e arda, e che '1 consigli, c'un volto che negli occhi lor somigli.
Page 234 - E doglia or m' , che m' era festa e gioco. Quel primo amor, che mi di posa e loco, Nelle miserie mie n' grave impaccio All' alma stanca; ond' io gelido giaccio, Com' uomo a cui di vita riman poco.
Page 525 - Moys, con satisfare appresso all' ultima perfettione dell' opera, secondo gli ultimi appuntamenti, s come a me vien detto che volentieri et prontamente vi siete offerto di voler fare) che le altre tre statue...
Page 3 - I' sono e fui gi tuo buon servo antico, 5 a te son dato come e raggi al sole, e del mie tempo non ti incresce o dole, e men ti piaccio se pi m'affatico.
Page 156 - Fra mille altre ragion sol ha quest' una: Se par non ebbe il suo esilio indegno, Simil uom ne maggior non nacque mai.
Page 48 - dolorosi stridi temprati son d'una credenza ferma 35 che '1 ben vissuto a morte me' s'annidi. Nostro intelletto dalla carne inferma tanto oppresso, che '1 morir pi spiace quanto pi '1 falso persuaso afferma. Novanta volte el sol suo chiara face 40 prim'ha nell'ocen bagnata e molle, che tu sie giunto alla divina pace.
Page 88 - Amor, le muse e le fiorite grotte, mie scombiccheri, a' cemboli, a' cartocci, agli osti, a' cessi, a' chiassi son condotte. Che giova voler far tanti bambocci, se m'han condotto al fin, come colui che pass '1 mar e poi affog ne

Bibliographic information